Sequestrata della MDMA (metilenediossimetanfetamina) per un valore di circa 500 mila euro dalla GdF di Caltanissetta
Sequestrata della MDMA (metilenediossimetanfetamina) per un valore di circa 500 mila euro dalla GdF di Caltanissetta

Sequestrata droga sintetica per 1,2 kg: arrestato 45enne asiatico domiciliato nel palermitano

Sequestrata della MDMA (metilenediossimetanfetamina) per un valore di circa 500 mila euro dalla GdF di Caltanissetta al terminal bus dentro 2 bagagli (Gli ARTIGLI di Meth)

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Caltanissetta, nei giorni scorsi, hanno effettuato un importante sequestro di kg. 1,200 di sostanza stupefacente sintetica del tipo MDMA presso il terminal bus del capoluogo nisseno.

Nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, i militari del dipendente Gruppo di Caltanissetta, hanno individuato 2 bagagli sull’autobus proveniente da Roma, al cui interno era debitamente occultato, in un contenitore appositamente sigillato per eludere eventuali controlli cinofili, la suddetta droga sintetica.

Le successive indagini, disposte dalla locale Procura della Repubblica, hanno consentito di risalire al corriere che è stato individuato in un cittadino di origini asiatiche di 45 anni, incensurato, il quale, nell’immediatezza dei fatti, aveva già raggiunto il proprio domicilio sito in un comune del palermitano.

Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti al fine di delineare in maniera compiuta la tratta che, allo stato attuale, sembrerebbe avere carattere quantomeno nazionale.

La sostanza sequestrata dai finanzieri denominata MDMA (metilenediossimetanfetamina) è una sostanza psicoattiva appartenente alla classe delle feniletilamine, dagli spiccati effetti stimolanti ed entactogeni, anche se non propriamente psichedelici.

Questa droga rappresenta uno dei più diffusi stupefacenti che viene assunto generalmente sotto forma di pastiglie, disciolta in liquidi o, meno comunemente, fumata.

L’abuso può comportare rischi permanenti per la salute, sia fisica sia cerebrale, con evidenze sperimentali di neurotossicità.

La sostanza stupefacente posta sotto sequestro, qualora immessa in commercio, avrebbe consentito la preparazione di oltre 25.000 pasticche per un valore superiore ai 500.000 euro.

Uno dei miei primi articoli con Vivicentro trattò della droga sintetica “1 Agosto 2017 Gli ARTIGLI di Meth (la potente droga di casa)”. All’epoca c’era stata “… l’ennesima tragica morte di un’adolescente per avere fatto uso di droghe, nella fattispecie sembra di metanfetamina (chiamata anche “Meth”) … M’imbattei nella lettura di Meth diversi anni addietro. Ed ebbi la netta percezione che era qualcosa di diverso da ciò che avevo appreso fino a quel momento sulle droghe. Ho cercato all’epoca di vedere se anche venisse citata sui media. Ed invece, pur seguendo dei servizi televisivi e tra l’altro fatti a tarda ora, non sentii mai parlare di MET, neanche nella sua versione estesa (metanfetamina). Ci sono pure altri nomi per individuare Meth, quali: tick, tina, crank, ice, glass, shaboo, shabu, hitler speed, ghiaccio, thai, crystal, all’ecstasy, mdma, ma più stringatamente è detta Meth, abbreviazione di ”methedrina” o metanfetamina oppure metilanfetamina. È una droga chimico-sintetica (quindi riproducibile in cosiddetti laboratori) che è considerata molto più potente della cocaina. Una dose normale può dare effetti, o come abitualmente si dice, uno ”sballo”, che può durare anche sei, otto e persino dodici ore. Ma ciò che anche caratterizza MET, è che si può (quasi) produrre in casa, tanto da essere chiamata persino ”droga da cucina”. Quando al contrario la sua preparazione, per gli elementi chimici che si usano, può causare gravi intossicazioni ed altrettante ustioni, come anche esplosioni originate dalla mescolanza dei prodotti per la separazione del principio attivo. …”.

Adduso Sebastiano

(VIDEO IN ELABORAZIONE)

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio