Ospedali pieni: pazienti tra influenze, Covid e ustioni da fuochi d’artificio

LEGGI ANCHE

Gli ospedali italiani sono pieni con un assedio dei Pronto Soccorso che devono gestire un enorme flusso di pazienti.

È davvero un assedio ai Pronto Soccorso dei vari ospedali quello di questi giorni di festa sia al Nord che al Sud.

A Napoli l’aumento dei casi di influenza e di Covid ha fatto andare in tilt il sistema delle emergenze in varie realtà e sono migliaia i pazienti in attesa di ricovero costretti a sostare ore o giorni proprio negli affollatissimi Pronto soccorso.

I posti letto ospedalieri ormai sono ridotti al minimo e le barelle spesso diventano letti provvisori per i malati.

Ospedali pieni: Emergenza per i medici

I medici del 118 e della Società italiana di medicina di emergenza urgenza (Simeu) sono costretti a turni no stop per fronteggiare l’emergenza; per la maggioranza di essi le ferie sono “un lusso”.

L’ospedale Cardarelli di Napoli è sotto pressione: solo il primo gennaio sono stati 209 gli accessi al Pronto soccorso, di cui 16 codici rossi.

Situazione simile anche al Santobono dove sono tantissimi i bambini ricoverati anche con principi di polmoniti. All’Asl Napoli 1 sono stati costretti a richiamare i medici dalle ferie.

All’Ospedale del Mare di Napoli, invece, sono 206 le persone che hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso dalle 8 alle 14.30 del primo giorno di Gennaio .

Cause dei ricoveri: influenza, covid e ustioni da fuochi d’artificio

Nei vari presidi ospedalieri sono giunti alcuni pazienti  che avevano subito ustioni da fuochi d’artificio, ma la maggior parte di essi sono anziani o persone fragili che hanno contratto la forte influenza di questo periodo o il Covid. L’ospedale è in piena attività e attualmente sono venti i medici che mancano per completare l’organico del pronto soccorso, rendendo più stressante l’attività per i medici che lavorano.

Molto forte anche l’affluenza negli ospedali gestiti dall’Asl Napoli 2 in provincia di Napoli, con molti accessi anche nelle strutture di Pozzuoli, Giugliano, Frattamaggiore e Ischia di persone deboli o anziane con forte influenza. L’Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord sottolinea che in questi primi giorni del 2024 – e rispetto al mese precedente – si è registrato un aumento degli accessi al pronto soccorso degli ospedali del territorio per patologie febbrili stagionali, influenza e da COVID-19.

In particolare, è stato registrato un incremento del 45% degli accessi, con un’incidenza maggiore tra i pazienti fragili, soprattutto anziani e portatori di comorbilità. Il sistema delle accettazioni di pronto soccorso ha risposto, e sta rispondendo, in maniera adeguata senza particolari criticità.

Ci auguriamo che nelle prossime ore vi possa essere una riduzione dei casi e che i pazienti, alla fine del ricovero, possano tutti ritornare a casa guariti e al sicuro. Un grazie particolare ai medici e a tutto il personale ospedaliero che, come sempre, gestisce alla grande le emergenze!


Castellammare di Stabia, la rottura di una conduttura idrica crea disagi per raggiungere la penisola sorrentina

La rottura improvvisa ha creato grossi problemi anche alla circolazione veicolare. Segui gli aggiornamenti sulla situazione.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare