Juve Stabia, toh chi si rivede? L’arbitro decisivo con i suoi errori – La Bastonatura

Juve Stabia, ancora errori dell'arbitro nella gara col Sorrento e per la seconda volta consecutiva un fallo di mani netto non visto

LEGGI ANCHE

Juve Stabia, ancora errori dell’arbitro: un fallo di mani in area non sanzionato dal sig. De Angeli nel derby col Sorrento.

Ci eravamo lasciati la scorsa settimana con la gara col Foggia che era stata segnata in negativo da un clamoroso rigore non concesso a favore delle Vespe per una topica colossale del sig. Mastrodomenico di Matera che non aveva visto o aveva sorvolato colpevolmente su un fallo di mani netto in area di rigore dei satanelli su una rovesciata di Bentivegna addirittura parata a braccia aperte dal difensore del Foggia.

Altro giro, altra corsa sulle montagne russe del campionato di Lega Pro Girone C e altro errore clamoroso del direttore di gara di turno, il sig. Luca De angeli di Milano (al suo terzo anno in Serie C).

Ancora un arbitro protagonista con i suoi errori per la Juve Stabia: l’errore clamoroso del sig. De Angeli di Milano in Juve Stabia-Sorrento.

Nel cuore del primo tempo di Juve Stabia-Sorrento c’è un cross dalla fascia sinistra su cui Candellone, attaccante della Juve Stabia, si produce in un colpo di testa che viene deviato ampiamente di mano dal difensore di turno dei costieri che lo marcava in quel momento.

Non c’era neanche bisogno delle immagini televisive e neanche dei video fatti da chi era allo stadio: il fallo di mani del difensore del Sorrento era ben visibile a tutti coloro che erano allo stadio già in presa diretta e ancora di più lo doveva essere per il direttore di gara che doveva essere certamente più attento e più reattivo nella circostanza.

Sia chiaro, la Juve Stabia non era sicuramente in una delle sue giornate migliori ed era stata ben imbrigliata dalla tattica di mister Maiuri, tecnico del Sorrento, ma resta il fatto di un fallo di mani evidente, un episodio impunito dall’arbitro che penalizza per la seconda volta consecutiva la Juve Stabia, capolista del Girone C.

Un episodio che di sicuro poteva cambiare il corso e l’esito stesso della gara su cui l’arbitro ha praticamente, imitando quanto fatto la settimana prima dal sig. Mastrodomenico di Matera, deciso di non decidere.

Quantomeno singolare che la capolista di un campionato, come la Juve Stabia di mister Pagliuca nel Girone C di Lega Pro, venga privata di due rigori per due falli di mano evidenti e sacrosanti in due gare consecutive interne così come è singolare il fatto che, in un derby abbastanza tranquillo come quello tra Juve Stabia e Sorrento, l’arbitro abbia ammonito ben 6 calciatori della Juve Stabia determinando nelle prime tre ammonizioni tre squalifiche per calciatori che erano diffidati (Baldi, Mignanelli e Candellone) e che salteranno il prossimo turno col Messina.

L’errore di De Angeli di Milano e la necessità del Var anche in Serie C.

Un episodio, quello di De Angeli in Juve Stabia-Sorrento che, analogamente a quanto avvenuto anche nella gara col Foggia, vogliamo ancora una volta considerare come “sfortunato” per la terna arbitrale quantomeno poco attenta ma che la dice tutta sulla pochezza di molti arbitri di Serie C che molto spesso con le loro decisioni, come accaduto a Castellammare, possono falsare l’esito di una sfida e di tutto il campionato di conseguenza.

Tutto ciò soprattutto in una campionato come quello di Serie C Girone C molto equilibrato e in cui gli equilibri nelle singole gare molto spesso vengono rotti anche da singoli episodi giudicati malissimo dal direttore di gara di turno.

Un episodio, quello del marchiano errore arbitrale del sig. De Angeli di Milano in Juve Stabia-Sorrento, che fa il paio con quello di Mastrodomenico di Matera nella gara precedente col Foggia, e che ripropone il tema importante ed a questo punto indispensabile di estendere l’utilizzo del Var anche alla Serie C e di eliminare o sospendere direttori di gara che si macchiano di errori decisivi che andrebbero quantomeno segnalati dagli ispettori di gara di turno e che invece molto spesso in queste categorie diventano puntualmente lettera morta non producendo effetti sulla carriera di arbitri che si dimostrano incapaci sul terreno di gioco.

Juve Stabia TV


EDITORIALE: Il Napoli stende la Juventus nel catino del Maradona: finisce 2-1 per gli azzurri (in ripresa di gioco e identità)

La nostra analisi al termine di Napoli - Juventus terminata con la vittoria degli azzurri che riapre la speranza del quarto posto
Pubblicita

Ti potrebbe interessare