Israele-Hamas, oggi ultimo giorno di tregua: ostaggi e trattative, cosa succede

LEGGI ANCHE

(Adnkronos) –
La tregua nella Striscia di Gaza scade oggi. Lunedì 27 novembre, secondo gli accordi, dovrebbe essere l'ultimo giorno di sospensione dell'offensiva di Israele nella guerra con Hamas. Il cessate il fuoco, però, potrebbe essere prolungato oltre la scadenza prevista. Tutto ruota attorno alla liberazione di altri ostaggi israeliani oltre ai 50 che Hamas deve rilasciare dopo l'attacco dello scorso 7 ottobre. Le operazioni nei primi 3 giorni dell'intesa si sono svolte con qualche intoppo solo nella seconda 'puntata', con accuse reciproche e tensioni archiviate grazie alla mediazione del Qatar. Oggi, nuovo step: Israele aspetta la liberazione di nuovi prigionieri e risponderà – come fatto sinora – con il rilascio di altri detenuti palestinesi con la formula '1 a 3': per ogni ostaggio che torna in Israele, saranno rilasciati 3 palestinesi. Mentre la scadenza del quarto giorno si avvicina, si lavora per prolungare la finestra senza combattimenti. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha apertamente mostrato disponibilità alla proroga, con l'obiettivo di riportare a casa gli oltre 200 connazionali ancora trattenuti a Gaza. Il prolungamento della fase senza ostilità è anche un obiettivo della Casa Bianca. "Questo è il nostro obiettivo: mantenere questa pausa oltre" lunedì 27 novembre, ha detto Joe Biden dopo la liberazione della piccola Abigail, orfana di 4 anni con la cittadinanza americana che è stata rilasciata da Hamas nelle ultime. Il presidente ha spiegato di essere "personalmente impegnato" con tutte le parti interessate, i negoziatori del Qatar e dell'Egitto, e il premier israeliano Netanyahu "per vedere che questo accordo sia applicato a pieno e anche per estenderlo". "Per settimane ho invocato una pausa nei combattimenti per due obiettivi; per aumentare l'assistenza ai civili a gaza che hanno bisogno di aiuti e facilitare il rilascio degli ostaggi", ha detto, spiegando che appunto estendere la tregua permetterebbe di "far uscire più ostaggi e far entrare più aiuti". Ed ai giornalisti che gli chiedevano per quanto tempo dovrebbe durare questa tregua ha detto: "Fino a quando continueranno ad uscire le persone", riferendosi agli ostaggi che da tre giorni vengono liberati da Hamas. 
Netanyahu, nella telefonata con il presidente americano, non ha chiuso la porta. Anzi. "Abbiamo portato a casa un altro gruppo di ostaggi, donne e bambini, e io sono commosso nel profondo del cuore, tutta la nazione è commossa, quando vedo le famiglie riunite", ha detto il premier in un video, spiegando di aver appena parlato con il presidente americano e sottolineando che l'attuale tregua di quattro giorni può essere allungata, "un giorno per ogni 10 ostaggi", ha detto. All'orizzonte, però, rimane l'obiettivo da raggiungere: "Distruggere Hamas, assicurare che Gaza non ritorni a quello che era e naturalmente liberare tutti gli ostaggi. Sono sicuro – ha concluso – che avremo successo in questa missione, perché non abbiamo altra scelta". La proroga è anche nell''agenda' di Hamas, come riferisce il Times of Israel. Finora, sono stati rilasciati 117 prigionieri palestinesi e si aspetta per domani il rilascio di un'altra quarantina di detenuti. Israele ha una lista di oltre 150 detenuti che rientrano nei parametri fissati nell'accordo, in caso di un prolungamento della tregua e dello scambio tra ostaggi e prigionieri. Si tratta della prima volta che Hamas esprime formalmente il desiderio di prolungare la tregua oltre il 27 novembre.     —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Juve Stabia: squalifica e ammenda per Lovisa, multa per la società

Juve Stabia, le decisioni del giudice sportivo: squalifica e ammenda per il ds Lovisa e multa per la società per ritardato inizio della gara
Pubblicita

Ti potrebbe interessare