Ischia, 14enne costretto a prostituirsi: scattano due arresti

Il ragazzino originario di Ischia, era costretto da due uomini a prostituirsi per pochi soldi...

LEGGI ANCHE

Il ragazzino originario di Ischia, era costretto da due uomini a prostituirsi per pochi soldi

Ischia, 14enne costretto a prostituirsi: scattano due arresti

Caso di prostituzione minorile e ritrovamento di materiale pedopornografico in Campania. Nello specifico, i Carabinieri della Compagnia di Ischia hanno arrestato un 37enne ed un 52enne, entrambi domiciliati a Casamicciola Terme, ritenuti responsabili in concorso dei reati di prostituzione minorile e atti sessuali con minorenne commessi nei confronti di un minore di 14 anni originario dell’isola di Ischia.

Le indagini, condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ischia e coordinate dalla IV Sezione Fasce Deboli della Procura della Repubblica di Napoli, hanno permesso di ricostruire che i due arrestati, fino allo scorso dicembre, inducevano il minore a prostituirsi e a compiere atti sessuali in cambio di piccole somme di denaro.

L’attività investigativa, scaturita dalla denuncia della madre della vittima, è stata eseguita con intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni, sequestri e consulenze tecniche. Nel corso delle indagini è stato inoltre rinvenuto, nello smartphone del 37enne, un ingente quantitativo di materiale pedopornografico. Per quest’ultimo, il GIP del Tribunale di Napoli ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, mentre nei confronti del 52enne è stata disposta un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

L’attività investigativa, scaturita dalla denuncia della madre della vittima, è stata eseguita con intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni, sequestri e consulenze tecniche. Nel corso delle indagini è stato inoltre rinvenuto, nello smartphone del 37enne, un ingente quantitativo di materiale pedopornografico. Per quest’ultimo, il GIP del Tribunale di Napoli ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, mentre nei confronti del 52enne è stata disposta un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. L’attività investigativa, scaturita dalla denuncia della madre della vittima, è stata eseguita con intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni, sequestri e consulenze tecniche. Nel corso delle indagini

Napoli – Frosinone (2-2): Le foto dei protagonisti in campo

Il Napoli non riesce a conquistare l'intera posta in palio e deve dire addio alla qualificazione Champions. Guarda le nostre foto
Pubblicita

Ti potrebbe interessare