Lega Pro Logo Ghirelli
Lega Pro Logo Ghirelli

Ghirelli, pres. Lega Pro: “Ecco di cosa abbiamo bisogno per evitare il crac”

Ghirelli, pres. Lega Pro: “Ecco di cosa abbiamo bisogno per evitare il crac”. Il grido di allarme del presidente Ghirelli al governo

Ghirelli, pres. Lega Pro: “Ecco di cosa abbiamo bisogno per evitare il crac”

 

Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, ha lanciato un suo vero e proprio grido di allarme verso il governo per evitare il fallimento di numerose società di Lega Pro. Secondo Ghirelli in modo particolare andrebbero quanto meno allentate le norme del protocollo sanitario, particolarmente oneroso per le società di Serie C, e prima possibile bisognerebbe almeno garantire l’accesso degli abbonati agli stadi.

Di seguito il comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Lega Pro.

”Dal confronto con i nostri club sono indispensabili alcuni segnali della politica sportiva e sanitaria.
Noi, della Serie C , siamo stati i primi che di fronte ai segnali che provenivano dal Covid-19, abbiamo chiuso gli stadi e sospeso le partite. Abbiamo credibilità nel parlare perché la salute per noi è sempre stata al primo posto e sempre lo sarà. Il tempo stringe sempre di più. 

Di cosa abbiamo bisogno per evitare il rischio di crac dei club nei prossimi mesi ? Vorrei che il ministro Spadafora, il ministro Speranza, ci ascoltino un attimo.
Abbiamo bisogno:
A) protocollo sanitario, fermo restando la sicurezza, dobbiamo allungare l’intervallo temporale per gli esami da tampone. Non reggiamo finanziariamente. Mi permetto di dire che ogni quattro giorni l‘ esame è anche invasivo. Abbiamo bisogno, altresì, di regole di applicazione del protocollo più semplici, per alleggerire organizzazione e costi;
B) stadi; se non si riapre facciamo un danno irreparabile. Partiamo con una percentuale di abbonati. Abbonamenti perché? Sono nominativi, possiamo scaglionare le entrate allo stadio, possiamo incanalare le uscite per aree. Con gli abbonamenti leniamo un poco le difficoltà finanziarie dei club.

Se perdiamo club, il nostro Paese diventa più povero in termini di occupazione, di indotto, di fisco e diventa più triste perché perde la forza di un gioco, quello del pallone. Il rischio di perdere un patrimonio umano, del calcio, del territorio e delle nostre tradizioni è concreto.”

 

a cura di Natale Giusti

Ascolta la WebRadio