Formula Uno, cos’è la Sprint race in programma a Silverstone

Formula Uno Sprint Race
FONTE FOTO: Formula Uno Facebook
Ultimo aggiornamento:

Tutto pronto per ripartire con la Formula Uno in Inghilterra. Quello a Silverstone sarà un weekend particolare per la Sprint race

Formula Uno,  cos’è la Sprint race in programma a Silverstone

Verso l’innovazione, il cambiamento. Questo è quanto sta avvenendo in Formula Uno che, col Gran Premio di Silverstone, da il benvenuto a una novità: la Sprint race.

 

Novità

Già tipica della Formula 2, la Sprint race è la novità che sbarca anche in Formula Uno. Si parte con il regolare weekend, dunque venerdì, sabato e domenica, ma gli eventi sono diversi. Il venerdì, classicamente di prove libere, invece sarà dedicato alle qualifiche(Q1, Q2 e Q3)  e stabiliranno la griglia di partenza della Sprint Race, rendendo dunque il primo giorno del GP molto più spettacolare di adesso.

 

Cambio di programma

Griglia di partenza della Sprint Race che sarà dunque stabilita dalla qualifica del venerdì. Il sabato si procederà con questa gara che sarà lunga cento chilometri con due set di gomme utilizzabili. L’ordine di arrivo  determinerà la griglia di partenza del Gran Premio, in questa circostanza quello d’Inghilterra a Silverstone. Inoltre la Sprint Race Qualifying(nome completo dell’evento) assegnerà anche i punti (tre al primo, due al secondo e uno al terzo), che potranno risultare anche decisivi per il campionato. Importante sarà dunque anche fare bene la Sprint Qualifying il sabato, non solo perché determinerà la griglia di partenza di domenica, ma anche i punti da guadagnare per la classifica possono essere fondamentali.

 

Masi: “La Sprint race è qualcosa di nuovo per noi”

A tal proposito, riportiamo, sul tema Sprint race, le dichiarazioni del Direttore di Gara e responsabile della sicurezza Michael Masi:

Siamo stati molto fortunati. Abbiamo avuto piena collaborazione sin da inizio anno. Abbiamo svolto molti incontri coinvolgendo membri di ogni team, delegati FIA e ovviamente i responsabili della Formula 1. Tutti sono preparati all’evenienza che si verifichino situazioni alle quali non avevamo pensato. Siamo però anche tutti pronti ad incontrarci dopo la conclusione della sessione per analizzare quali aspetti abbiano funzionato e quali no. Onestamente è la prima volta in cui tutti sono coinvolti nella decisione. E’ qualcosa di nuovo per noi, soprattutto se si considera la portata della Formula 1. Tradizionalmente i regolamenti sono stati strutturati sempre nella direzione di un’unica gara, non c’è mai stata una Qualifica Sprint. Tutti sono in fibrillazione e ognuno di noi ha ben chiaro che bisogna lavorare tutti insieme anche e soprattutto nel caso qualcosa non funzioni per assicurare il successo dell’esperimento”.