26.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

sabato, Agosto 13, 2022

“Corpi violati, ma resilienti – Quando l’amore è un non amore”

Da leggere

“Corpi violati, ma resilienti -Quando l’amore è un non amore” di Gilda Cecoro, un libro per non dimenticare che la resilienza aiuta a continuare a vivere, anche quando ci si sente morti dentro.

“Corpi violati, ma resilienti – Quando l’amore è un non amore”

“Corpi violati, ma resilienti . Quando l’amore è un non amore è un testo molto delicato, con cui Gilda Cecoro rende onore alla memoria di Imma Villani e a tutte le donne e bambini vittime di violenza.
Il testo è strutturato in cinque parti, che si incastrano perfettamente, e affronta un tema molto delicato, quello della violenza sulle donne, in particolare della violenza assistita intra-familiare.

Disgraziatamente, nonostante siamo nel 2020, la visione maschile rispetto alla Donna e al femminile, tarda ad evolversi.
Seppur vero, che non tutti gli uomini sono uguali, i peggiori purtroppo riescono a fare danni irreparabili: uccidono o anche rendono le donne che hanno incontrato nel corso della vita “dei cadaveri che camminano”.
Aspetto “positivo” degli ultimi anni, è che finalmente si ha meno paura – e vergogna- di chiedere aiuto : mogli, madri, figlie, fidanzate, nonne, zie, compagne, partner, amiche, donne di tutte le età riescono finalmente a percepire dentro di sé, che quelle relazioni, quei legami uccidono, sono soffocanti, le stanno strozzando, le stanno uccidendo.
E quindi finalmente, l’istinto di sopravvivenza esplode, e bando all’ imbarazzo (?) di andare a raccontare i fatti propri, alla paura di non essere credute, al terrore del non sapere cosa accadrà dopo -se effettivamente accadrà qualcosa, si va… e si denuncia. FINALMENTE.

Purtroppo, nonostante l’atto di coraggio, le ferite che lasciano le violenze subite, fisiche, psicologiche, e anche l’aver assistito per anni e anni a scene di violenza -pensiamo all’ambito domestico- restano come un veleno in circolo nel corpo, nel cuore e nella mente.
Per questo motivo, è una questione che riguarda tutti.
Siamo tutti chiamati a prendere atto della realtà e a sentirci coinvolti.

Le persone vittime di violenza sono Cittadini come tutti gli altri, ai quali però, nell’ambito “familiare” -che “sarebbe la prima comunità in cui si cresce”- è stato inferto un colpo durissimo, che determinerà per loro difficoltà per inserirsi “nel mondo” memori di ciò che hanno subito.
Non basta dire “quando lavoro lascio i miei problemi fuori dalla porta “, perché i “problemi” che lasciano le violenze subite sono veleni, lacrime che esplodono “dentro”, determinando problemi di salute non indifferenti e annientano la Fiducia nel Futuro e negli altri.

Per questo il fatto che esiste ancora la violenza di genere è un problema di Stato: un Paese perde la possibilità di crescere, se le sue risorse vitali, i Cittadini -e quindi le persone vittime di violenze, non possono avere le risorse, la possibilità per affacciarsi al Mondo con fiducia e Speranza e credere che quello che hanno vissuto “nella prima comunità” non è l’unica realtà possibile.

Sarebbe bello, se oggigiorno, si abbandonassero definitivamente quei detti popolari per cui “tra moglie e marito non mettere il dito” o anche capire che NON è DISCREZIONE tacere quando ci si accorge che “certe situazioni” in “certe famiglie” “sono strane”…

Tacere dinanzi all’ingiustizia è un crimine, non è “essere discreti” e Sì ci riguarda TUTTI, perché potrebbe capitare a tutti.
Molto spesso le vite sono segnate non dai progetti che facciamo, dai traguardi che raggiungiamo, ma dalle conseguenze che derivano dalle azioni altrui.

Questo Lavoro è supportato da personalità importanti, sia umanamente, sia per il ruolo che rivestono:
-Il dott. Vincenzo Gioia, che ha curato la prefazione; Capo di Gabinetto della Questura di Napoli; a dimostrazione che questo è un problema di Stato, e che lo Stato c’è.

-La dott.ssa Rita Villani ispettore superiore SUPS della Polizia di Stato e responsabile dell’ufficio Violenza di genere del Commissariato di Polizia di Stato di Castellammare di Stabia.

-Libera Cesino, avvocato penalista e presidente di “Libera dalla violenza”; esperta in violenza di genere e diritti umani; tantissimi sono i casi che segue, permettendo a tutte le donne vittime di violenza di sentirsi davvero protette e Libere di riuscire ad immaginarsi un Futuro a partire dal primo coraggiosissimo passo, quello di denunciare.

-prof.ssa Angela Cioffi, dirigente scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Marco Pollione Vitruvio”, Castellammare di Stabia;

-Annamaria Ascione, psicologo clinico;

– Carmen Guerriero psicologo clinico;

– Gloria Sabatino, psicologa;

-dott.ssa Viviana Donnarumma, impiegata nella direzione amministrativa della ASL Salerno e laureata in Scienze della Formazione Primaria presso l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”, Napoli;

– Rossella Idìl Thè Marraffino, laureata in Scienze della Formazione Primaria, insegnante di scuola dell’infanzia; art trainer ed ideatrice di laboratori creativi per bambini;

– Cla Bi, attrice e scrittrice salernitana; diplomata all’Accademia di Mimo. Ha lavorato con Luigi De Filippo, Angela Pagano, Mario Martone, Tato Russo.
E infine altro ringraziamento da parte di Gilda Cecoro è per Loredana De Simone, Immacolata Pane e Angela Cioffi per aver raccontato e riportato la loro storia. Sono l’esempio della rivalsa, della rinascita … della RESILIENZA.

Stéphanie Esposito

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o
utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere
autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede
comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente
articolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy