Coda: “La Juve Stabia ha una buona fase difensiva ma centrocampo e attacco mi deludono”

LEGGI ANCHE

Catello Coda, tifoso della Juve Stabia, è intervenuto nel corso della trasmissione “Il Pungiglione Stabiese” per parlarci del momento delle Vespe.

Le dichiarazioni di Catello Coda sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“Credo che ci siano poche Curve in Italia che incitano la squadra anche quando i risultati non vengono. I problemi ci sono in campionato. Le partite erano soporifere sia con Colucci e restano tali anche con Pochesci.

Mi chiedo però come faccia una squadra che fa 14 volte la porta inviolata a dover lottare per la salvezza. Non ricordo gare memorabili da quando c’era Padalino. Quest’anno la fase difensiva era buona ma centrocampo ed attacco stanno deludendo.

Pandolfi a me piace tanto ma il killer-instinct non lo compri al mercato. Berardocco è impiegato male secondo me. Se al 70° cambi Berardocco a gara in corso non vedo l’utilità di questa mossa. L’unica partita buona di Ricci dal punto di vista qualitativo, perché l’impegno non manca mai, è stata probabilmente quella col Pescara.

Un allenatore deve agire sulla mentalità dei ragazzi. Si può lavorare su questi ragazzi. Squadre peggiori di questa attuale della Juve Stabia ne abbiamo viste. Mettere di nuovo a posto la fase difensiva con Pochesci la vedo dura.

Il Catanzaro che ha perso a Viterbo, a Castellammare le può prendere in egual modo. Così come Foggia e Pescara non le vedo come gare proibitive.
Credo che la squadra dello scorso anno fosse più scarsa di quella di quest’anno. L’amalgama con Colucci c’era stata e qualcosa di positivo si era creato nel girone di andata.

Bisogna pensare a gara dopo gara. I punti ci sono grazie alla cura Colucci che ha fatto la maggior parte del lavoro in questa stagione nel girone di andata. L’importante è far capire il proprio intento. Sono ottimista anche per il prosieguo della stagione.

Davanti io preferisco un Pandolfi da esterno offensivo a sinistra nel 4-3-3. La Juve Stabia ieri ha giocato bene gli ultimi 20 minuti e vedo più grave l’errore di D’Agostino che quello di Pandolfi. Zigoni lo vedevo meglio anche di Santos che non ha fatto vedere niente di che anche se si vedeva che qualcosa di buono aveva.

Gli ultimi 10 minuti col Taranto possono anche essere una base da cui ripartire. A Foggia sulla carta la gara potrebbe essere chiusa. Poi andiamo lì e magari faremo la migliore gara possibile. Partite impossibili non ne vedo sinceramente. Anche a Crotone all’andata la Juve Stabia non meritava di perdere”.


Juve Stabia TV


Castellammare di Stabia, la rottura di una conduttura idrica crea disagi per raggiungere la penisola sorrentina

La rottura improvvisa ha creato grossi problemi anche alla circolazione veicolare. Segui gli aggiornamenti sulla situazione.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare