Albiol come Bonucci: ha sfruttato il momento

Il Corriere del Mezzogiorno scrive Albiol mostra la maglietta strappatagli da un avversario all’arbitro Celi....

LEGGI ANCHE

Il Corriere del Mezzogiorno scrive

Albiol mostra la maglietta strappatagli da un avversario all’arbitro Celi. S’infuria, toglie la maglia e platealmente protesta per il fallo subito. Il direttore di gara lo ammonisce e lui sfacciatamente gli dà la classica pacca sulla spalla, alza il pollice della mano e si allontana. Intuisce, Albiol, che l’occasione è propizia per farsi rispettare. Soprattutto, per far rispettare la sua squadra. E insiste: tornando a metà campo, si volta verso il guardalinee e applaude. Tutto accade verso la fine del primo tempo della sfida tra Napoli e Verona, a rigor di regolamento il difensore azzurro poteva anche beccare il cartellino rosso. Non è accaduto. E Albiol lo aveva previsto. Azzardo calcolato, sfruttando il momento: il Napoli, reduce da una settimana di polemiche per l’espulsione di Sarri e di Higuain a Udine, destinatario di una sanzione eccessiva del giudice sportivo (quattro giornate al bomber argentino) e con la tifoseria tutta che si era sentita vittima di un complotto. Albiol come Bonucci ne ha approfittato per tirare fuori rabbia e artigli, sapendo di non rischiare nulla. Rizzoli in Juve-Torino ammonì e non espulse Bonucci che platealmente si opponeva al calcio di rigore fischiato a favore degli avversari, fino ad avere un incontro ravvicinato con il direttore di gara. Celi ha ammonito e non espulso Albiol. La sudditanza psicologica esiste e il difensore spagnolo ha saputo essere come il collega juventino. Anche questa è forza.

Editoriale Catania – Juve Stabia: 2-0, fino a qui!

Vi proponiamo il nostro pensiero sulla Juve Stabia, espresso nel nostro editoriale post gara con il Catania, terminato 2-0.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare