Quantcast

SSC Napoli - rassegna stampa

Parla il doppio ex De Napoli: “Quanti Napoli – Milan ho giocato”

Parla il doppio ex De Napoli: “Quanti Napoli – Milan ho giocato”

Nando De Napoli, grande centrocampista a cavallo degli anni ’90, ha parlato a La Repubblica: “Quanti Napoli-Milan ho giocato: con Maradona bastava guardarci. Al Milan mi infortunai e non ebbi tanto spazio. Comunque ringrazio la società rossonera, si è comportata sempre bene nei miei confronti”.

Il Napoli è un pezzo di cuore. Crede nello scudetto?

Conosco bene la scaramanzia e so che non dovrei parlarne. Ma devo dire la verità. Il Napoli è forte, gioca bene da tre-quattro anni e con Sarri c’è stato il salto di qualità. Ha sfiorato spesso il traguardo, adesso potrebbe centrarlo sul serio”.

E la Juventus?

“Non è meno forte dello scorso anno, ci mancherebbe altro. Forse ha qualche problema in difesa: subisce più gol. Il Napoli potrebbe approfittare di questo aspetto”.

Qual è il valore aggiunto degli azzurri?

L’organico mi piace e poi ha un buon allenatore come Sarri. Comunque avrei un consiglio per il tecnico. La mia non è una critica: ma deve sfruttare al meglio la rosa.Quando vincemmo il primo scudetto, Bianchi faceva giocare tutti. Caffarelli e Carnevale ebbero tanto spazio. Dovrebbe farlo pure Sarri, considerando gli impegni delle nazionali”.

Parliamo di sabato e giochiamo Napoli-Milan. Chi vince, secondo De Napoli?

Per me il Napoli arriva meglio all’appuntamento. Gli azzurri sono primi anche se reduci dal pareggio con il Chievo”.

Come si spiega lo 0-0?

Il Napoli era un po’ stanco dopo la partita di Champions contro il Manchester City ma resta più forte…”.

E il Milan?

Mi aspettavo qualche difficoltà. Ha cambiato parecchio e quindi bisogna aspettare prima di poter raccogliere. La colpa assolutamente non è di Montella: parliamo di un allenatore importante che ha già dimostrato il suo valore. Il Milan tornerà protagonista, ma non si possono accelerare le tappe”.

Lei ha giocato tanti Napoli- Milan. Quale ricorda di più?

Era la sfida per eccellenza tra le squadre che si contendevano il campionato. Non dimenticherò tanto facilmente la sconfitta al San Paolo. Perdemmo 3-2 al San Paolo e di fatto dicemmo addio alla possibilità di vincere il secondo scudetto consecutivo. Ricordo ancora che ci guardammo con Maradona e nonostante la delusione facemmo i complimenti ai nostri avversari. C’era Sacchi in panchina e quel Milan disputò una grande gara”.

E da milanista invece qual è il più importante?

Nel Milan ho giocato troppo poco, davvero”

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania