Quantcast

SSC Napoli - primo piano

Napoli, Hamsik sempre più legato alla città: sarà cittadino onorario

Tutto scritto, nero su bianco, tramite una delibera della giunta comunale: Marek Hamsik sarà insignito della cittadinanza onoraria di Napoli

In un mondo del Calcio che sta perdendo via via le proprie “bandiere”, con calciatori che si disaffezionano sempre più frequentemente in cerca di soldi e successi altrove, il Napoli si tiene ben salda la sua: Marek Hamsik. o Marekiaro come è stato affettuosamente rinominato verrà insignito della cittadinanza onoraria di Napoli.  Una delibera della giunta comunale lo conferma. L’amministrazione ha voluto rendere omaggio al capitano azzurro, che da undici anni veste la maglia numero 17. La cerimonia, non a caso, si terrà al Maschio Angioino il 17 maggio, un numero che il centrocampista slovacco si porta sulle spalle come un tatuaggio a fuoco sulla palle. Riuscendo a sovvertire finanche la «smorfia», nonostante Napoli sia considerata la capitale della scaramanzia.

Marekiaro è arrivato giovanissimo in città. a 19 anni, nel giugno 2007, ed è diventato subito il simbolo del rinascimento azzurro. Sono trascorsi gli anni, passati i compagni di squadra, i dirigenti, gli allenatori, ma lui ha deciso di mettere radici all’ombra del Vesuvio giurando amore eterno alla città, alla maglia e ai tifosi azzurri. Da poco, Hamsik è diventato, tra le altre cose, il miglior marcatore di sempre della storia azzurra, scavalcando anche il record di Maradona. «Per l’attaccamento dimostrato alla città in questi anni» il sindaco de Magistris ha voluto rendere omaggio al ragazzo arrivato in Italia ancora adolescente dalle sponde del fiume Hron, da una cittadina dal nome impronunciabile, che conta poco meno di 80mila abitanti.

La delibera è nelle mani della ragioneria comunale e dovrebbe approdare in giunta oggi pomeriggio, o al più tardi venerdì. Il Comune, dopo aver assunto la decisione, ha contatto la Società Calcio Napoli instaurando un fitto dialogo per individuare una data che mettesse tutti d’accordo. Si è optato di far coincidere il giorno della cerimonia con il numero di maglia del capitano: giovedì 17 maggio. A tre giorni dall’ultima gara di campionato al San Paolo contro il Crotone.
Il capitano azzurro, che presto diventerà a tutti gli effetti napoletano, aveva ricevuto dal Coni regionale, a dicembre del 2014, la «Cittadinanza Onoraria sportiva», consegnata ad Hamsik nella sala Scarlatti del Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella, in occasione della premiazione annuale degli atleti campani e della consegna delle stelle Coni al merito sportivo. La motivazione? «Aver dimostrato di possedere lo spirito e la genialità tipici del popolo napoletano».
Hamsik aveva ribadito già allora di come Napoli fosse casa sua e di come «il calore di questa città» lo ripagasse «dei tanti sacrifici e mi gratifica delle tante gioie che ho vissuto in questi anni». «Spero di restare qui ancora tanto – aggiunse – per poter battere nuovi primati di presenze con la maglia azzurra. Mi sento una bandiera e mi auguro di vivere a lungo a Napoli».

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania