Quantcast

Banner Gori
SSC Napoli - primo piano

Meret: “Difesa? Miglioreremo. Contro Samp e Liverpool faremo bene”

“Napoli è una piazza che ti fa crescere. Koulibaly? Capita di sbagliare”

Alex Meret, estremo difensore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss, durante la trasmissione “Radio Goal” per parlare del campionato disputato dagli uomini di Carlo Ancelotti, della gara persa contro la Juventus ma anche dei nuovi acquisti.

Ecco le parole di Meret:
“E’ stata una settimana molto positiva per la Nazionale, abbiamo ottenuto due vittorie importantissime che ci avvicinano agli Europei. E’ un orgoglio per me aver fatto parte del gruppo. Spero di centrare il prima possibile la qualificazione ad Euro 2020. Manolas-Koulibaly? Non siamo partiti benissimo in fase difensiva, 7 gol in due partite sono tanti. Sicuramente dobbiamo migliorare, Kostas e Kalidou sono ottimi giocatori come tutti gli altri centrali in rosa, si sono allenati poco insieme ed è normale che sia necessario lavorare per trovare la giusta intesa. Già dalle prossime partite la fase difensiva sarà migliore.
In avanti siamo stati bravi a sfruttare le occasioni avute, gli attaccanti hanno lavorato davvero bene. Serve un po’ di equilibrio dietro ed avere più attenzione nelle coperture preventive per subire meno gol. Rimonta contro la Juventus? Abbiamo fatto 60 minuti sottotono e non puoi permetterteli perché i bianconeri hanno tanti campioni e sono andati avanti 3-0. Abbiamo avuto una grande forza di restare in partita e di crederci. Dopo il primo gol abbiamo iniziato a giocare meglio. La prima ora di gioco deve farci riflettere. Rimontare tre gol a Torino non è da tutti. Peccato per l’episodio finale che non ci ha permesso di portare a casa nemmeno un punto.
Incitamento a Koulibaly dopo il suo autogol? Capita a tutti di sbagliare, non si può criticare uno come lui che è stato il migliore l’anno scorso. Ci sta di sbagliare, è arrivato all’ultimo minuto di una partita del genere e fa ancora più male, adesso l’importante è rialzarsi ed andare avanti più convinti di prima. La Sampdoria resta una squadra di primissimo piano, soprattutto perché in avanti ha attaccanti molto pericolosi. E’ una partita molto importante per noi, la prima in casa. Dobbiamo fare più attenzione in fase difensiva e provare a sfruttare i punti deboli della Samp. Dopo Torino volevamo giocare subito ma ci sono stati gli impegni con le Nazionali. Chi è rimasto ha lavorato bene con il mister.
Di Lorenzo si è calato benissimo nella realtà di Napoli, è un ragazzo molto serio e professionale. Ha dimostrato subito di starci alla grande, sono contento per il suo gol e gli auguro di far benissimo. Quanto è importante la testa per un giocatore? E’ fondamentale, avere grandi capacità conta fino ad un certo punto, poi serve avere altre doti mentali. Se non c’è la testa i risultati non arrivano. E’ importante restare sereni ed essere convinti di quel che si fa, oltre ad avere voglia di imparare.
Napoli-Liverpool? Sarà una grande partita, ci saranno tante motivazioni per far bene davanti al nostro pubblico. Il girone è difficile ma in Champions è così, dovremo cercare di approcciare come si deve e provare a fare punti. Sensazioni in vista dell’esordio in Champions? Sicuramente da bambino era un grandissimo sogno, ora ho la possibilità di giocare questa competizione. Se il mister mi sceglierà, non vedo l’ora di dare il meglio. Anche l’anno scorso abbiamo sempre avuto un atteggiamento propositivo, con Koulibaly e Manolas possiamo stare un po’ più alti senza mai far mancare l’equilibrio.
Lozano? E’ un’alternativa importante ai grandissimi attaccanti che abbiamo, con la Juventus è entrato benissimo in campo. Ha velocità e grandi colpi, può darci una grossa mano. Il nostro è un gruppo giovane ed un giocatore come Llorente, di esperienza, fa sempre bene. Si integrerà subito bene e ci darà una mano, spero sia positivo per noi avere un’alternativa lì davanti. E’ un giocatore diverso dai nostri attaccanti, gli auguro un campionato con tanti gol. Napoli come società e come piazza ti fa veramente crescere, spero che quest’anno possa trovare continuità dopo gli infortuni dell’anno scorso. Uno degli obiettivi è la convocazione ad Euro 2020, cercherò di dimostrare di poterci stare. Lavorerò per riuscirci. Chi mi fa arrabbiare di più in allenamento? Ci riescono un po’ tutti, ci sono tanti grandi attaccanti. Difficile sceglierne uno… Sono tutti molto forti e bravi”.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania