Quantcast

Banner Gori
Juve Stabia - Podio Gialloblù
juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblu di Juve Stabia – Pordenone 4 – 2

Prima vittoria casalinga per la Juve Stabia, che al Menti trova la seconda vittoria consecutiva dopo il successo di Trapani: i gialloblu annichiliscono il Pordenone di Tesser

Medaglia d’oro: a Luigi Canotto, la scintilla che innesca l’incendio stabiese. Avrà certamente i suoi difetti, in alcuni casi peccherà di egoismo ma resta il calciatore da cui la Juve Stabia non può in alcun modo prescindere: è il 18 gialloblu l’elemento in grado di spezzare la monotonia della gara. Ritrovati i lanci geometrici di Calò, Canotto sfrutta al massimo le praterie che gli lascia la difesa del Pordenone, puntando a ripetizione De Agostini, per cui probabilmente la maglia gialloblu numero 18 avrà a lungo le sembianze del classico lenzuolo di un fantasma. Canotto è irruentemente pulito nel rubare palla al capitano friulano e a servire a Forte la più facile delle reti, e poco dopo a concludere la poderosa accelerazione con l’esterno destro tutto delicatezza e precisione che beffa Di Gregorio. La sensazione chiara è che, quando in campo trova il giusto equilibrio, l’ex Trapani diventi a tratti immarcabile, mescolando alla perfezione velocità e classe. Altrettanto palese è la sensazione che siano ancora tanti i margini di miglioramento che potrebbero portarlo ad essere calciatore determinante, sempre, anche in Serie B. FURIA.

Medaglia d’argento: a tutto il blocco della mediana Calò – Calvano – Mallamo perché sarebbe ingeneroso premiare solo uno dei tre moschettieri.Caratteristiche diverse, fisicità differenti che diventano combinazione perfetta trovata da Caserta per il centrocampo della sua Juve Stabia. Non può essere un caso che le gare in cui Di Gennaro è stato assente abbiano segnato il ritorno del “vecchio Calò”, il regista dalla visione di gioco di categoria superiore, che gioca anche di sciabola quando è necessario. Calò dispensa assist, tre, come fa con le gomme il compagno di scuola che ha il pacchetto di chewingum; due i passaggi gol da corner, che per il 5 gialloblu devono essere il nuovo punto di partenza della stagione. Sempre al centro del gioco e senza la pesante insicurezza delle prime gare, è tornato il regista scintillante dello scorso torneo. Partenza del campionato di Calvano era stata l’espulsione rimediata con l’Ascoli, cancellata da prestazioni in cui l’ex Verona è apparso elemento dominante nella mediana gialloblu. Un centrocampista che fa del fisico e della corsa le sua armi migliori, che però non va in imbarazzo quando c’è da alzare la testa ed impostare. Ad impreziosire la gara del 37 stabiese la rete che spegne le ambizioni del Pordenone, prima del castigo definitivo di Canotto; ovunque si guardi in campo, Calvano c’è e si sente. Si sente eccome la presenza di Alessandro Mallamo, per cui il calcio di Caserta ha avuto un colpo di fulmine. Regista, mezz’ala, interditore, incursore e rifinitore: nell’arco di 90 minuti l’ex Atalanta è in grado di giocare, bene, in ogni posizione senza tra l’altro mai andare in riserva. E’ il centrocampista universale, compatibile con ogni modulo ed ogni avversario. MIX PERFETTO.

Medaglia di bronzo: ci perdonerà lo squalo Forte, al secondo morso consecutivo, ma la scena nei momenti significativi è sempre di Adriano Mezavilla. Lui che con la rete alla Vibonese aveva regalato la Serie B, spezza la maledizione Menti e fa partire a tutti gli effetti la corsa verso la salvezza. Tra ieri e stamane qualcuno ha storto il naso vedendo ancora il brasiliano titolare al fianco di Troest nonostante il rientro di Tonucci; peccato gravissimo (perdonali Adriano, non sanno quello che fanno) perchè la Juve Stabia è sempre al sicuro dietro le spalle larghe del 34. Adriano sovrasta sul primo corner della gara il suo marcatore, fiondandosi sulla palla con la stessa prepotenza del predatore sulla preda. Dopo la rete la sua gara, e quella della Juve Stabia, va in crescendo: nessun intervento impreciso, mai un’uscita in ritardo per Mezavilla, diga contro la quale fisicamente si infrangono i tentativi del Pordenone: iniziano per il brasiliano stabiese a mancare gli aggettivi. INIMITABILE.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: un unico gradino del podio per chi ha facilmente smesso di credere nella squadra, e soprattutto in Fabio Caserta. “Non è adeguato alla categoria”, “serve dare una scossa” erano le frasi tormentone sui social dopo le prime sei gare della stagione, che avevano in un attimo cancellato i due anni da tecnico da incorniciare di Caserta. E’ stato sufficiente dare alla squadra ed al suo allenatore il tempo minimo necessario a trovare il nuovo assetto giusto, con sedici elementi diversi rispetto alla scorsa stagione, per vedere netti miglioramenti. Attenzione, nessuno sta negando che siano stati fatti degli errori; semplicemente gli errori forse sono stati valutati in misura troppo rigida rispetto alle tempistiche. Si collegano a questa considerazione, i tristi numeri dei botteghini. Nessun dato ufficiale ma il colpo d’occhio del Menti lasciava intuire che solo i 3000 abbonati, e pochi tifosi in più, fossero presenti a sostenere la squadra. Troppo poco, soprattutto dopo la prima vittoria in campionato e nelle fasi iniziali di una stagione che sarà durissima, quindi dove serve massimo sostegno. Inutile chiedere grandi acquisti che infiammino il mercato se a stento 3000 spettatori poi ne ammirano le giocate.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più