Quantcast

juvestabia - podio gialloblu

Il Podio Gialloblù di Juve Stabia – Monopoli 2 – 1

Sorpasso riuscito per la Juve Stabia, che scavalca il Monopoli al quarto posto grazie alla vittoria per 2 – 1 sui pugliesi. Simeri e Canotto decisivi con le loro reti

PODIO

Medaglia d’oro: a Simone Simeri ed alla sua gara monumentale. Il bomber della Juve Stabia quando vede la casacca del Monopoli diventa un toro a cui sventolano un drappo rosso, così il 9 gialloblù replica la grande prestazione, gol annesso, della gara di andata. Identificare la prestazione di Simeri col gol che sblocca il match sarebbe riduttivo, alla luce degli innumerevoli contrasti, sempre vincenti, e dei kilometri macinati dall’attaccante stabiese. Fisico da corazziere e piedi da fantasista per Simeri, che imbecca alla perfezione Strefezza nell’azione che porta al 2 – 1 di Canotto. Sono 11 le reti di Simeri alla sua prima stagione tra i professionisti, tra l’altro non vissuto col posto da titolare fisso. E meno male che non era al meglio…per citare una famosa hit “come un toro a Pamplona”.

Medaglia d’argento: a Luigi Viola, emblema del centrocampista completo. Tra il lavoro sporco, ma decisivo, di Vicente ed un Mastalli che si sdoppia in tutte le posizioni del centrocampo, Viola si prende la scena con l’assist delizioso per la zampata di Simeri. Chiaro ormai come come il 15 stabiese in alcuni aspetti si “piaccia” un pò troppo, ma ci sono tutte le premesse per farlo: visione di gioco da regista e dinamismo da mediano per Viola, proiezione in campo, non solo per ruolo e capigliatura simile, del suo allenatore. Proprio Caserta, comprendendo l’importanza del suo centrocampista, comincia già a centellinarne le energie in vista delle prossime, decisive, settimane.

Medaglia di bronzo: a Gabriel Strefezza, la cui ripresa è di altissimo livello. Il “barattolino” gialloblù torna in campo dopo l’intervallo a tratti elettrizzato, rendendosi protagonista di venti minuti di assoluta quantità e qualità. Lo strappo con cui la Juve Stabia mette la freccia sul Monopoli è merito soprattutto delle giocate di Strefezza, altruista nel servire a Canotto il classico pallone solo da appoggiare in scioltezza in rete. A sorprendere del brasiliano, la sua maturità da veterano, che stride con i 21 anni che compirà tra pochi giorni. A proposito di esterni, di importanza capitale il rientro di Melara, elemento di qualità assoluta per la categoria.

CONTROPODIO

Medaglia d’oro: a Valerio Nava, visibilmente non al top. Le condizioni precarie del terzino stabiese erano note sin dalla vigilia ed incidono sulla prestazione del 7 stabiese. Corsa non fluida ed anzi affaticata per Nava, quasi sempre saltato sull’out destro dagli esterni del Monopoli ed in costante sofferenza. Soprattutto in virtù della forma fisica non perfetta, sono apparsi non necessari alcuni disimpegni inutilmente rischiosi da parte del difensore gialloblù.

Medaglia d’argento: a Lino Marzorati, sfortunato in occasione della rete di Salvemini. Prestazione nel complesso sufficiente per l’ex Prato, che guida bene il giovane Bachini al suo fianco e ben fronteggiando le punte del Monopoli. Unico neo nel match di Marzorati, la disattenzione, mista anche ad un pizzico di sfortuna, che aiuta Salvemini a pareggiare momentaneamente i conti. Salvo l’episodio negativo, fortunatamente ininfluente ai fini del risultato, gara positiva per Marzorati.

Medaglia di bronzo: ai 368 paganti di oggi. I biglietti più “costosi” per la gara di oggi erano quelli da 10 euro, dunque non si comprende come il popolo stabiese abbia ancora una volta mostrato un disinteresse totale, assorbente verso la Juve Stabia. In quello che era un big match in cui giocarsi un buona fetta di accesso playoff, le persone di Castellammare hanno risposto picche, preferendo evidentemente assistere in tv a come lo stabiese Donnarumma abbia, forse, definitivamente infranto il sogno scudetto del Napoli. La Juve Stabia, prima in classifica tra le squadre “umane” del girone C di Lega Pro, si accinge quindi ad arrampicarsi fino ad un sogno solo col sostegno dei suoi fedelissimi: pochi ma buoni, a questo punto meglio così.

Raffaele Izzo

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania