Quantcast

juvestabia - news

Reggiana – Juve Stabia 1 – 1. Caserta: Uscire con un doppio pareggio fa male (VIDEO)

Delusione per la Juve Stabia, che stacca la spina troppo presto, consentendo alla Reggiana di pareggiare la rete iniziale di Simeri. Finisce la rincorsa alla Serie B delle Vespe.

Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Fabio Caserta ai nostri inviati a Reggio Emilia:

Uscire in questo modo fa male. Abbiamo dato tutto quello che avevamo ma dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto per onorare la maglia della Juve Stabia. Accettiamo il verdetto del campo, consapevoli di quanto abbiamo sudato per i colori della Juve Stabia e la città di Castellammare.

Vicente è stato ingenuo nel finale, facendosi espellere ma non ho parlato di aspetti tecnici nè a lui nè al resto della squadra. Ha sbagliato e ha chiesto scusa, sono cose che succedono; abbiamo sbagliato tutti nel gestire la gara dopo il vantaggio e, dopo il pareggio, nel non aver tentato di ripassare in vantaggio perchè il tempo per farlo c’era.

Posso solo ringraziare la società, che mi ha dato la possibilità di allenare in una piazza così importante, ed i miei ragazzi, che mi hanno mostrato disponibilità e impegno per mesi. Auguro a tanti allenatori di avere a che fare con un gruppo con questi valori.

Nel doppio confronto avremmo meritato senza dubbio di andare avanti. Certo, nel finale abbiamo commesso errori ma nel complesso abbiamo fatto di più degli avversari. E’ andata così e dobbiamo accettarlo anche se fa male.

Sapevo che la Reggiana avrebbe fatto questa gara e che non sarebbe stato corretto andare all’arrembaggio da subito perchè recuperare un gol subìto non sarebbe stato facile. Così non ha senso uscire, con due pareggi con gol fuori casa; è un regolamento che non mi convince a prescindere da come è andata stasera.

Dispiace poi soprattutto per i tifosi perchè si era creato di nuovo un legame forte, entusiasta, tra squadra e tifosi. Il Menti nelle due partite in casa dei playoff è stato uno spettacolo: posso dirlo, ci credevo davvero, perchè sentivo sensazioni positive. Vedere i ragazzi piangere nello spogliatoio fa male. Spero che la Juve Stabia possa continuare a fare calcio perchè è l’ambiente ideale per lavorare, una famiglia prima che una società, dove si lavora gratis solo per l’amore della maglia. Ormai sono di casa a Castellammare quindi mi auguro di essere ancora qui tra qualche mese, ma non è il momento di parlarne

Riproduzione riservata e consentita solo dietro citazione della fonte

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania