Quantcast

Banner Gori
Juve Stabia - Approfondimenti

FOCUS: Juve Stabia – Adriano, non è mai stato un addio

La gara di domenica con la Sicula Leonzio rappresenta certamente uno dei momenti più intensi della Storia della Juve Stabia. In una squadra ed in una società di uomini veri, la scena se l’è presa un po’ più degli altri Adriano Mezavilla. Il brasiliano che in estate si è rimesso la casacca gialloblù dopo quattro anni, quella casacca che lo trasforma come il costume ed il mantello indossati nella cabina del telefono rendono Clark Kent Super Man.

“Certi amori non finiscono…fanno dei giri immensi e poi ritornano.” Quante volte è stata usata la frase resa celebre da Antonello Venditti per descrivere belle storie sportive? Spesso in passato anche noi siamo caduti in tentazione quindi oggi racchiudiamo il legame tra Adriano Mezavilla e la Juve Stabia affidandoci ad un altro cantautore. “Un giorno non so dirti quando ci ricontreremo io e te…occhi negli occhi diremo qualcosa sul tempo che va, senza il coraggio di chiederci quanto è costata la felicità”: sono le note di Cesare Cremonini stavolta a sintetizzare perfettamente la storia tra la Juve Stabia ed il suo eroe brasiliano.

Era il 2010 quando tra i tanti acquisti con cui veniva puntellata la squadra appena riapprodata in Serie C compariva il nome di Adriano Mezavilla. Un brasiliano atipico, tutta forza, fisicità e carattere, le cui “recensioni” dei suoi precedenti tifosi non erano nemmeno tutte rose e fiori. Eppure Adriano divenne subito il pilastro su cui Braglia iniziò a costruire una squadra di cannibali, prendendosi in un attimo il cuore della tifoseria stabiese. Un calciatore che ieri, come oggi, non ha peculiarità di alcun ruolo, semplicemente perché in campo sa fare tutto. Devastante a centrocampo, impeccabile in difesa e letale nelle sue sortite offensive. È ovviamente lui a firmare la serata di gala del 27 aprile 2011, quando al Menti la Juve Stabia conquista la Coppa Italia di categoria ai danni del Carpi.

In quelle quattro stagioni, tre delle quali vissute in Serie B, a centrocampo cambiano tanti interpreti: Danucci, Cazzola, Scozzarella, Doninelli, Suciu, Genevier, Jidayi; l’unico a rimanere una costante nelle formazioni recitate settimanalmente dai tifosi è proprio Adriano Mezavilla, insieme ovviamente a Fabio Caserta. La maglia gialloblu numero 34 diventa un vessillo dal valore inestimabile a Castellammare, un valore che va ben oltre il fattore calcistico.

Quello stesso numero, dismesso dopo quattro anni meravigliosi, e per quattro anni, durante i quali la Juve Stabia ed il suo brasiliano preferito non si sono mai persi di vista. In più occasioni negli anni si è parlato di un ritorno di Mezavilla in gialloble, ritorno anticipato dagli applausi scroscianti del pubblico del Menti, quando Adriano ha affrontato lo scorso anno la Juve Stabia da avversario, con la maglia della Reggina. Il suo 34 Adriano è tornato finalmente ad indossarlo lo scorso agosto, per inseguire un altro sogno felice. Nessun ruolo di “chioccia” o di semplice “talismano” per Mezavilla, deciso a ruggire in campo come e più dei suoi anni d’oro tra le Vespe. Un campionato in cui il rendimento del brasiliano è stato costantemente a livelli alti, con picchi di quasi onnipotenza calcistica ad inizio ed a fine stagione, quando più conta. Non può essere un caso che a Lentini il gialloblu dominante, per spirito, cuore e tecnica sia stato Adriano, che bruciava di rabbia dopo l’espulsione di Bisceglie ed il match dell’anno, col Trapani (abbattuto all’andata), saltato per squalifica.

L’impresa che sabato potrebbe arrivare alla conclusione avrà, allora, tra i suoi protagonisti Adriano, il brasiliano dal cuore stabiese, per cui con la Juve Stabia non è mai stato e mai sarà addio.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania