Juve Stabia - Approfondimenti

APPROFONDIMENTO, Juve Stabia – Cosenza; il ritorno del condottiero

Piero Braglia

Per circa quattro anni, dal 2010 al 2014, nelle gare casalinghe della Juve Stabia la lettura delle formazioni ad opera dello speaker veniva intervallata dalla frase “In panchina il nostro condottiero: Mister Piero Braglia!”, e puntualmente il nome del tecnico toscano veniva sommerso da applausi.

Sabato, per la prima volta, Piero Braglia tornerà a camminare su quel campo che lo ha visto scrivere le pagine più belle della Storia della Juve Stabia, e probabilmente, anche sua. Magari un briciolo di confusione porterà Braglia quasi a sedersi sulla panchina di sinistra, quella che per quattro stagioni è stata sua, prima di procedere verso quella di destra, riservata al suo Cosenza.

Inutile negarlo: il ritorno del tecnico toscano al Menti è il fattore che rende ancor più interessante il big match in chiave playoff tra Juve Stabia e Cosenza. Braglia è stato, prima ancora che un allenatore, un vero condottiero, in grado di diffondere la voce ed i pensieri dei tifosi stabiesi.

Così, dopo il pareggio per 0 – 0 del 12 giugno 2011 nella finale di andata contro l’Atletico Roma, Braglia non analizzò la gara, dedicandosi a considerazioni tecnico tattiche, ma parlò come un tifoso della Juve Stabia, attaccando senza mezzi termini la scelta di ridurre la capienza del Flaminio per la gara di ritorno. “Io credo che a Roma debbano venire i tifosi, come vanno a vedere il rugby in 35 mila! Queste son tutte cavolate organizzate apposta…” tuonò Braglia in sala stampa. Sfogata la rabbia per quella che era una palese ingiustizia, Braglia lontano dalle telecamere, come un vero tifoso, si lasciò poi andare ad un pronostico che una settimana dopo diventerà una profezia: “Dite a Presidente di stare tranquillo..a Roma vinciamo due a zero..”.

Questo è stato Braglia per la Juve Stabia e per i suoi tifosi. Un meraviglioso stratega in campo, animato dalla passione per la sua creatura proprio come un tifoso, più che un “semplice” allenatore. La simbiosi, l’empatia che legava Braglia alla Juve Stabia fu evidente nell’ultima tribolata stagione di Serie B. Dopo la sconfitta interna per 2 – 3 contro il Trapani, in seguito alla quale il suo esonero iniziò a prendere forma, Braglia si avviò verso il tunnel degli spogliatoi non riuscendo a trattenere le lacrime. Un’emozione composta, quasi inusuale per un carattere vulcanico come il suo, da cui traspariva la consapevolezza che i destini suoi e della Juve Stabia stavano per separarsi.

Separazione durata solo qualche mese. Dopo lo sterile, e quasi inutile, interregno Pea, Braglia tornò alla guida della squadra stabiese, decidendo di affondare da vero Capitano insieme al vascello gialloblù e, soprattutto, mostrando come quella retrocessione non fosse imputabile (solo) al suo lavoro.

Inutile rimarcare la promozione in Serie B, la vittoria della Coppa Italia di Lega Pro, le due salvezze in cadetteria e l’incredibile cammino in Coppa Italia 2012/13, con le Vespe letali per la Sampdoria ed eliminate solo da una grande Fiorentina. Braglia ha conquistato Castellammare con il suo portamento da difensore della Città e della Juve Stabia, prima ancora che con i risultati. Persino le gradinate del Menti, da circa tre anni colorate di gialloblù, furono una scelta del tecnico,  che rende tutt’ora lo stadio di Via Cosenza meno spettrale nonostante la carenza di tifosi.

L’utopia di inizio stagione, diventata ora solida ambizione, è giustamente di vedere la Juve Stabia crescere insieme all’allievo di Braglia, quel Fabio Caserta che sotto la direzione di Pierino ha vissuto le sue stagioni migliori, magari vivendo un ciclo vincente come quello proprio dell’oggi tecnico del Cosenza. Resta la speranza romantica di rivedere, in un futuro non molto prossimo e perché no, in un’altra veste, quel toscanaccio terribile ancora alla Juve Stabia, così da ricominciare dove tutto si è arrestato.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania