Quantcast

Calcio a 5- Ad Acerra aggredita e picchiata la Virtus Libera Under 21
SPORT

Calcio a 5- Ad Acerra aggredita e picchiata la Virtus Libera Under 21

CALCIO A 5 VIOLENTO- AD ACERRA ASSURDO ED INTOLLERABILE,AGGREDITA L’UNDER 21 DELLA VIRTUS LIBERA FORIO

Nel calcio a 5 come accade anche nel calcio a 11, continuano ad accadere episodi davvero inverosimili. Basti pensare che ogni singolo giorno,ma sopratutto nel fine settimana che vede scendere in campo le squadre nei rispettivi campionati si registra sempre un episodio di violenza. Un calcio che continua ad essere malato. Questa volta ad essere vittima in terra ferma è stata l’Under 21 della Virtus Libera Forio. Andiamo con ordine e torniamo indietro. Ad oggi la giovane squadra foriana ha disputato tra le mura amiche soltanto due partite di campionato. La seconda giornata contro l’Oratorio San Ludovico  e poi alla quarta giornata proprio contro il Club Eden Acerra,per il resto tutte vittorie a tavolino assegnate alla squadra foriana per assenza delle squadra che non si sono mai presentate sull’isola.

Nelle uniche due partite giocate proprio al “PalaCasale” tra cui quella contro il Club Eden Acerra, seconda forza del campionato,all’andata fu interrotta all’intervallo per l’abbandono della squadra ospite. La formazione napoletana decise si abbandonare l’incontro per via dell’arbitro Luca Silvestri (ischitano e della sezione di Napoli) nel quale si pensava che potesse favorire i foriani. L’abbandono e la rinuncia di scendere in campo nel secondo tempo,portò al Club Eden Acerra una multa anche abbastanza salta e con una squalifica per un anno all’allenatore Vincenzo Rescigno ( che allena anche la prima squadra in SerieC1)

Ritornando alla notizia principale,nel pomeriggio di ieri la Virtus Libera U21 avrebbe dovuto giocare proprio contro il Club Eden Acerra in trasferta. Una partita che avrebbe dovuto mettere di fronte la prima della classe contro la seconda per una giornata di sport,che invece si è trasformata in un’autentico far west con un agguato ai foriani,giunti appena sul campo. Appena giunta al campo la squadra isolana è stata minacciata mentre si dirigeva all’interno degli spogliatoi ( se vogliamo chiamarli proprio così). La Virtus Libera scesa in campo per effettuare come di consueto il riscaldamento prima del match,alcuni calciatori sono stati presi di mira. Il giovane Ruggiero infatti ha ricevuto uno schiaffo proprio dall’allenatore della squadra locale. Subito dopo è toccato ad un altro ragazzo che nel recuperare le scarpette che aveva dimenticato in campo è stato aggredito e picchiato da un gruppo di sei/sette giocatori avversari. Tutto questo si è svolto sotto gli occhi dell’arbitro e del commissario di campo. I giovani ragazzi isolani sono stati costretti a scappare e rifugiarsi sul loro pulmino dove poi hanno svolto il riconoscimento insieme all’arbitro e commissario di campo-che hanno dichiarato di aver visto tutto quello che è successo e non c’erano i presupposti di far giocare la partita. Il presidente della Virtus Libera,Fiore D’Angelo insieme al resto della società sono stati costretti a chiamare le Forze dell’Ordine- che hanno così scortato la squadra isolana. Nell’attesa di aspettare il comunicato del Giudice Sportivo che uscirà giovedì sera, è un’episodio che non porta a nessun tipo di commento ma che racchiude la vergogna totale di una domenica finita in un vero far-west. Fin quando nel calcio a 5 e non solo ci saranno queste società non si andrà mai avanti. Le così dette nuove leve,ovvero i giovani dovrebbero dare una svolta a un calcio sempre più malato,stanno facendo sempre peggio visto che come esempio hanno determinate persone. Il calcio è uno sport,passione  e divertimento e non questa vergogna…

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania