“La Casa dei Rosmer“ al Teatro Sociale di Brescia

Il capolavoro di Ibsen sarà al Teatro Sociale di Brescia dal 2 al 7 aprile 2024

LEGGI ANCHE

La 50a Stagione di prosa del Centro Teatrale Bresciano prosegue con “La Casa dei Rosmer” una nuova produzione del CTB, con Elena Bucci e Marco Sgrosso.

Elena Bucci e Marco Sgrosso rileggono uno dei drammi più significativi di Ibsen, La casa dei Rosmer, componendo un viaggio attraverso le stanze segrete di una casa che diventa simbolo di relazioni, dubbi, inquieti sguardi sul futuro. Quanto il passato ci guida, quanto ci incatena? Come trovare la forza di essere consapevoli di sé? Esiste felicità senza innocenza?

In scena per la cinquantesima Stagione del Centro Teatrale Bresciano, intitolata Il mondo nuovo, La casa dei Rosmer. Rosmersholm sarà al Teatro Sociale di Brescia (via Felice Cavallotti, 20) questa sera martedì 2 aprile fino al 7 aprile 2024, tutti i giorni alle ore 20.30, la domenica alle ore 15.30.

Il cast e i tecnici

La casa dei Rosmer. Rosmersholm, da Henrik Ibsen, vede il progetto e l’elaborazione drammaturgica di Elena Bucci e Marco Sgrosso, la regia di Elena Bucci, con la collaborazione di Marco Sgrosso, e l’interpretazione di Elena Bucci nel ruolo di Rebecca West, Marco Sgrosso in quello di Johannes Rosmer e di Emanuele Carucci Viterbi nei panni del Rettore Kroll, Francesco Pennacchia è Ulrik Brendel e Madama Helseth, mentre Valerio Pietrovita interpreta Peder Mortensgaard.

All’opera hanno partecipato diverse figure come per il disegno delle luci affidato a Daria Grispino. La drammaturgia e cura del suono sono di Raffaele Bassetti. La collaborazione al progetto e aiuto regia è di Nicoletta Fabbri. Le scene sono di Nomadea. I costumi sono di Marta Solari. La realizzazione dei costumi e la collaborazione sono di Marta Benini con l’aiuto di Manuela Monti.

Lo spettacolo è una produzione Centro Teatrale Bresciano, Teatro Metastasio di Prato, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, in collaborazione con Compagnia Le Belle Bandiere sostenuta da Regione Emilia-Romagna e Comune di Russi.

La Trama La Casa dei Rosmer

Il turbolento interno ibseniano, l’austera Casa Rosmer, è la dimora di una famiglia che vanta una centenaria genealogia di uomini di valore – di chiesa, politici, governanti – vissuti secondo i valori della tradizione. Il discendente Johannes Rosmer, ex pastore vedovo, vuole affrancarsi da questo passato abbracciando nuovi ideali che lo mettono in contrasto con l’antico mondo di appartenenza. Ritenuta responsabile di questa inversione di tendenza è Rebecca West, la governante rimasta nella casa anche dopo il misterioso suicidio della moglie di Rosmer.

Elena Bucci e Marco Sgrosso si rivolgono a questo testo del 1886 per trarre le radici delle contraddizioni che viviamo nel nostro presente. Quello ritratto da Ibsen è infatti uno scenario che si ripete nella storia: una politica intessuta di intrighi, prepotenze e menzogne perpetrate sia in nome della conservazione che del cambiamento, rapporti di convenienza travestiti da felicità che si nutrono di ambizione e crimini.

Le parole di Elena Bucci

“In questa casa simbolo di continuitàafferma Elena Bucci – i protagonisti cercano di strapparsi al passato, con il suo peso di obblighi, colpe, errori, per proiettarsi in un futuro dove possano sentirsi utili, servire la verità, la libertà. Ma sono loro stessi i primi a tenere in vita i fantasmi che sbarrano la strada. Questa favola cupa, dove relazioni, personaggi e dialoghi solo in apparenza naturalistici scivolano nel simbolico, lascia un imprevedibile spazio all’umorismo, quando si intravedono le paure e le mediocrità di ognuno dei personaggi, che tanto somigliano a quelle di noi tutti. Casa Rosmer è un palcoscenico, è il mondo. Affacciati alla grande finestra del sipario attori, personaggi, pubblico, spiano l’uno nell’altro il futuro”.

Il commento di Marco Sgrosso

“Ciò che rende Ibsen così vicino alla nostra sensibilità – prosegue Marco Sgrosso – non è soltanto la profonda introspezione dei suoi personaggi, ma anche quel simbolismo astratto dei contrasti ricorrenti: luce e buio, perdono e colpa, gioia e dolore, vita e morte. In Casa Rosmer, con una forza ereditata dalla tragedia greca, i morti tornano a condizionare l’esistenza dei vivi, rendendola un continuo esame di coscienza. Gli spettri reclamano nuova vita e si attanagliano ai vivi. E la morte, unico spiraglio verso la pacificazione dello spirito, ha l’aspetto elegante di due cavalli bianchi”.

Come acquistare il biglietto per assistere a “La Casa dei Rosmer”

– Biglietteria del Teatro Sociale Via Felice Cavallotti, 20 – Brescia

  1. 030 2808600; e-mail biglietteria@centroteatralebresciano.it

da martedì a sabato dalle ore 16.00 alle 19.00 ,domenica dalle ore 15.30 alle 18.00 solo nei giorni di spettacolo, 30 minuti prima dell’inizio di ogni spettacolo saranno in vendita esclusivamente i biglietti per la serata stessa.

– Punto vendita CTB Piazza della Loggia, 6 – Brescia

  1. 030 2928609; e-mail biglietteria@centroteatralebresciano.it

da martedì a venerdì ore 10.00 – 13.00 (escluso i festivi)

– Biglietteria telefonica

Tel 376 0450269 – da martedì a venerdì dalle ore 10.00 alle 13.00 (escluso i festivi)

Tel 376 0450011 – da martedì a sabato dalle ore 16.00 alle 19.00; domenica dalle ore 15.30 alle 18.00

Si informa che agli acquisti effettuati telefonicamente e pagati con carta di credito verrà applicata la maggiorazione pari al 2,5% del costo dell’abbonamento o biglietto.

– On-line sul sito www.vivaticket.it e in tutti i punti vendita del circuito VIVATICKET

Incontro dialogo tra Elena Bucci, Marco Sgrosso e Gerardo Guccini

Informiamo inoltre che Giovedì 4 aprile alle ore 17 presso il Teatro Sociale di Brescia: Elena Bucci e Marco Sgrosso dialogheranno con Gerardo Guccini, docente di Drammaturgia all’Università degli Studi di Bologna, sul tema “Dove cercare l’innocenza? Desiderio e fantasmi del rimosso in Ibsen”.

La partecipazione all’incontro è gratuita fino a esaurimento dei posti disponibili.

Juve Stabia, le emozioni della cavalcata travolgente delle Vespe

Juve Stabia, riviviamo le emozioni della magnifica cavalcata delle Vespe: un dominio incontrastato lungo 35 giornate fino alla matematica
Pubblicita

Ti potrebbe interessare