Sud - cronaca

Napoli, Vomero: automobilista spara ad un vigile ma il colpo non parte, i dettagli

Napoli, Vomero: automobilista spara ad un vigile ma il colpo non parte, i dettagli

Napoli, i fatti risalgono a ieri mattina intorno alle 11.30, all’altezza di via Gemito, verso lo svincolo della tangenziale in via Cilea. La vicenda è stata la seguente: un furgone che procede verso lo svincolo della tangenziale tampona una Smart guidata da una donna. Il tamponamento non ha portato a nulla di grave, ma viene notato da una pattuglia della polizia municipale che sta procedendo nell’altro senso di marcia. Gli agenti chiedono all’autista del furgone di accostare e di scambiare le generalità dei dati con l’automobilista. Da questa richiesta è scattata la furia di Corrado Santoro, 54 anni, di Pianura, già noto alle forze dell’ordine per estorsione, gioco d’azzardo e maltrattamenti in famiglia.

L’uomo era accompagnato dal figlio Marcello, 19 anni,: quando il vigile si accosta allo sportello del furgone, Santoro prima lo insulta pesantemente e poi lo colpisce con un violento ceffone che gli fa volare via gli occhiali. In soccorso del primo agente, interviene l’altro ma anche lui è accolto con uno schiaffo. Come riportato dal giornale “la Repubblica”, Marcello scende dal furgone per cercare di calmare il padre, e sembra averlo fatto, ma nel momento in cui Santoro vede la seconda pattuglia, formata da un uomo e da una donna, avvicinarsi a loro, riparte la furia, che l’uomo riversa sulla donna, rompendole la mascella.

A quel punto i colleghi si lanciano addosso a Santoro per bloccarlo, ed è proprio che in questo lasso di tempo, il figlio Marcello, ruba la pistola al vigile e gliela punta contro dicendo: “Lascia stare mio padre, lascialo, ti ammazzo”. Il ragazzo preme tre volte, ma per fortuna i colpi non sono partiti perché il colpo non è in canna e l’arma si inceppa.

Entrambi finiscono in manette: Marcello è accusato di tentato omicidio, mentre il genitore di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

“Il furgone era anche assicurato – spiega Cardone, il vigile contro cui è stata puntata la pistola – non c’era nessun motivo per questa violenza ingiustificata. Il padre ha rovinato la vita del figlio che ora dovrà rispondere di tentato omicidio. A ripensare a quanto accaduto mi viene da piangere. Sul momento ho pensato solo a reagire, ma adesso mi rendo conto di essere stato a un passo dall’essere ucciso”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania