Quantcast

Sud - cronaca

Castellammare, presentato il Piano Comunale di Protezione Civile: i dettagli

Castellammare, il sindaco Cimmino presenta il Piano Comunale di Protezione Civile

“È opportuno e doveroso informare la popolazione sui  rischi connessi ad eventuali precipitazioni atmosferiche e su come comportarsi nei casi di difficoltà. Durante ogni perturbazione la Protezione Civile emana un bollettino meteo che indica la criticità che si sta per abbattere sul territorio. L’allerta  meteo può essere di tre colori: giallo, arancione e rosso. Ognuna delle categorie indica ovviamente un grado diverso di pericolosità: quando è  giallo si intende una criticità ordinaria;  arancione, criticità moderata;  rossa, criticità elevata.” Inizia così la nota pubblicata dal Sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino tramite i suoi account social.
“La Protezione Civile e il Comune di Castellammare, quindi, invitano gli stabiesi a seguire delle norme in caso di pericolo. Durante i forti temporali bisogna ritirare dai balconi o comunque da elementi sporgenti tutti gli oggetti che cadendo possono provocare incidenti; chiudere bene finestre ed imposte; fissare saldamente ciò che all’esterno dell’edificio si può staccare.” Sottolinea il primo cittadino stabiese.
“Se invece ci si trova fuori casa, bisogna  allontanarsi dai cornicioni, tetti, impalcature ed in genere da tutto ciò che sporge; fare attenzione agli oggetti e a tutto quanto possa cadere dall’alto; evitare ponti di ferro, cabine elettriche, serbatoi metaflici, cartelloni pubblicitari, poli e tralicci dell’energia elettrica, reti metalliche; non sostare sotto alberi e nei pressi di corsi d’acqua.”

Nella nota si ricorda che è necessario “In caso di alluvione, staccare la  corrente elettrica e chiudere il  gas ed impianto di riscaldamento nei locali minacciati dall’acqua, sempre che l’interruttore non si trovi già in locali sommersi; fare attenzione a non venire a contatto con la corrente elettrica con mani e piedi bagnati; salire ai piani superiori senza usare l’ascensore; se si abita ad un piana alto, offrire  ospitalità a chi abita ai piani sottostanti; viceversa, se si risiede in piani bassi, chiedere ospitalità; non scendere nelle cantine e nei garage per salvare aggetti o scorte; non fumare (potrebbero esserci fughe di gas); non utilizzare l’acqua dei rubinetti. Si invitano gli stabiesi a spostarsi solamente in casi di estrema necessità.”

Inoltre, è opportuno che i cittadini conoscano le aree nelle quali recarsi in caso di  calamità naturale. La Protezione Civile ha individuato nel territorio stabiese le aree di attesa, accoglienza e smistamento. Le prime sono aree di prima  accoglienza dove i cittadini riceveranno le prime informazioni sull’evento e i primi generi di conforto, in attesa dell’allestimento delle aree di accoglienza/ricovero. Esse sono: palazzetto del mare, parrocchia Santo Spirito, istituto Panzini, istituto Salvati, scuola Basilio Cecchi, III Circolo San Marco, scuola Di Capua, Iti Renato Elia, IV Circolo Annunziatella, via Venezia. I cittadini dovranno recarsi in quella più vicina alla propria abitazione.

Le aree di accoglienza invece sono da intendersi come l’allestimento di strutture in grado di assicurare un ricovero per coloro che hanno dovuto abbandonare la propria abitazione. Esse sono: il  parcheggio della Ferrovia dello Stato e la tensostruttura di viale delle Puglie. Infine, le aree di ammassamento che sono utilizzate dai soccorsi e sono: area ex Pretura, banchina Zì Catiell,  stadio Romeo Menti, area mercatale antigua allo stadio e l’area cantieri navali nei pressi di Marina di Stabia.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania