Quantcast
Banner Gori
Tosca all'Arena di Verona
Recensioni Spettacoli Terza Pagina Lombardia

Grigolo debutta in Tosca all’Arena di Verona, ed è subito successo

La penultima serata di Tosca, di giovedì 29 agosto, passerà agli annali e verrà annoverata come serata indimenticabile dal maestro Daniel Oren . Infatti ha festeggiato la sua 500 direzione dal suo debutto all’arena nel 1984 . Per l’occasione la Fondazione Arena di Verona, oltre a fargli spegnere le candeline su una torta gigante portata sul palco dell’Anfiteatro al termine della sua prestazione , ha prodotto una speciale cartolina rievocativa a tiratura limitata e distribuita al pubblico presente per l’occasione.

ToscaCon il Kippa’ che tradisce le sue origini, il Maestro Daniel Oren entra in scena per leggere i ringraziamenti personali diretti agli amministratori del teatro e al pubblico che con la sua presenza lo ha gratificato nelle 500 serate. Con il suo modo inconfondibile Oren ha diretto con vigoria gli orchestrali, coordinandoli magistralmente nell’esecuzione di un’opera importante qual’e’ la Tosca. Con vitalità nei movimenti e con la bacchetta nella mano destra ha sprigionato tutte le sue energie trasportando i musicisti , presenti nel golfo mistico , in una performance elevata.

ToscaInobliabile l’interpretazione del famoso tenore Vittorio Grigolo nei panni del pittore Cavaradossi, amante di una donna gelosa . Il giovane tenore di fama internazionale ha letteralmente trasportato il pubblico in un’emozione collettiva . Passava con eleganza da un timbro di voce calda, corposa, profonda ad una voce squillante , brillante. Nel terzo atto , ha superato se stesso con una prestazione che ha travolto gli astanti . È riuscito a toccare profondamente l’animo degli spettatori creando un forte sentimento e strappando un forte bis cantando “ Recondita armonia” e, “E Lucevan le Stelle “. Bravissima anche il soprano cinese Hui He, in arte Tosca, presente da 15 anni in Arena, che si è esibita in un duo con il suo amante Mario Cavaradossi, la sua voce ricca , piena e calda allo stesso tempo ha toccato drammaticamente i cuori degli spettatori  . Ottima anche l’ultima recita del baritono Ambrogio Maestri , in scena Barone Scarpia. Non di meno i comprimari : il basso veronese Romano Dal Zovo (Angelotti), il tenore Francesco Pittari (Spoletta), Biagio Pizzuti (Sagrestano), Nicolò Ceriani(Sciarrone), Stefano Rinaldi Miliani (un Carceriere), Vittoria Pozzani (un Pastorello). Bellissimi i costumi che richiamano fedelmente l’epoca 1800. Sempre bravo il maestro del Coro Vito Lombardi . Merita menzione anche Hugo de Ana che ha curato e realizzato per il palcoscenico dell’Arena le scene, i costumi, le luci .

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Francesco Cecoro

Francesco Cecoro

Studi effettuati: Maturità Scientifica , Laurea in Psicologia Clinica e laurea in Sociologia . Interessi : Tecnico/Allenatore di Pugilato agonistico della Federazione Pugilistica Italiana. Socio Lions International . Giornalista n.isc rizione odg 087604. Direttore Responsabile vivicentro . Anno di nascita 15/08/1961 .

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più