Quantcast
Banner Gori
Nella norma approvata dall’Ars c’è un'apertura a nuove licenze
Cronaca Sicilia

L’Ars approva la proroga delle concessioni. Apertura anche per le nuove licenze

Nella norma approvata dall’Ars c’è un’apertura a nuove licenze in riva al mare anche in assenza di piani d’uso del demanio marittimo.

Via libera dell’Ars alla legge sul demanio marittimo. La legge concede tempo fino alla fine dell’anno per chiedere la proroga automatica delle concessioni. Nella norma arriva anche un’apertura alla possibilità di nuove licenze in riva al mare, anche in assenza di piani d’uso del demanio marittimo: la regola, che porta le opposizioni ad andare all’attacco, prevede che i privati possano chiedere nuove concessioni di sei anni.

Pd e Movimento 5 Stelle hanno provato a fare fronte comune contro la proposta. In aula è spuntata anche l’ipotesi che almeno il 60 per cento delle spiagge libere resti tale.

Ma il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè ha dichiarato inammissibile la proposta di Cracolici e Dipasquale.

“Sappiamo bene che le attività legate ai lidi balneari rappresentano un importante volano per l’economia locale – hanno dichiarato nel loro intervento, Antonello Cracolici e Nello Dipasquale, entrambi del PD – ma concedere nuove concessioni in aggiunta a quelle già esistenti, destinate ad occupare quella che fino ad oggi è stata ‘spiaggia libera’, significa togliere il diritto ai siciliani ed ai turisti che ‘non pagano un biglietto’ di poter godere del nostro mare”.

Contrari anche i grillini, guidati in Aula su questo tema da Gianina Ciancio “Oggi l’aula ha dato il colpo di grazia al sistema di regole che governavano il rilascio delle concessioni demaniali marittime. L’assessore Toto Cordaro ha deciso che le concessioni rilasciate dopo il 2005 non debbano più adeguarsi ai Pudm, un follia che rischia di creare nel settore il far west più assoluto in mancanza di regole e paletti precisi. Non potevamo avallare queste folle decisione”.

Di versione diversa la Maggioranza.

“Approvata all’Ars, su proposta del Governo della Regione, un’ottima legge sul “Riordino del Demanio Marittimo”: la certezza del diritto costituisce il presupposto fondamentale per garantire l’occupazione, favorire nuovi investimenti nel settore, regolamentare le nuove concessioni demaniali” ha scritto su Facebook l’assessore al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro.

“Sempre vicini ai lavoratori del comparto demaniale. Oggi l’Aula ha approvato un’ulteriore proroga alle concessioni demaniali, accogliendo le richieste provenienti dal settore – ha commenta Giusi Savarino, presidente della IV commissione legislativa Ars.

Per Stefano Pellegrino (FI), componente della commissione Ambiente “La riforma delle procedure di semplificazione delle concessioni demaniali rappresenta un ulteriore obiettivo raggiunto dal governo Musumeci anche grazie all’istruzione del disegno di legge nella commissione, presieduta da Giusy Savarino. La norma prevede tra l’altro che la trasmissione della documentazione necessaria ad ottenere la proroga delle concessioni demaniali marittime sia estesa fino al 31/12/20 poiché è risultato che circa un terzo degli esercenti balneari, per motivi legati alla pandemia, non è riuscito ad inoltrare tutta la documentazione richiesta”.

Adduso Sebastiano

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più