Vaccini: unica alternativa valida per avere qualche speranza

Vaccini, unica alternativa valida per avere qualche speranza

Essere vaccinati, quando un virus mina dalle fondamenta il tuo corpo, rappresenta l’ unica alternativa valida per avere qualche speranza in più di sopravvivenza.

Non si muore di solo Covid, ma se questo virus si accoda alla vecchiaia, ai problemi polmonari, vascolari, malattie pregresse, il quadro clinico, come spesso è accaduto, precipita.

Si sono registrati casi in cui non ha funzionato, questo è vero, alcune persone sono morte per problemi di trombi, ma bisogna pur dire che per altri milioni ha rappresentato una salvezza.

Lasciamo stare tutte le supposizioni che sono state fatte sulle multinazionali del farmaco, quanto possa essere il loro interesse nel produrre i vaccini, le chiacchiere da bar, non fanno altro che fomentare odio

Le manifestazioni che in questi mesi hanno infiammato le Città di mezza Europa, sono la dimostrazione lampante che nelle persone in cui è radicata un’avversione verso i vaccini, vi sia una situazione di grave disagio psicologico.

In Europa, come in gran parte del nostro pianeta terra, il Covid-19 corre alla grande, in questo ultimo mese i contagi e decessi sono in netto aumento, la preoccupazione è tanta da indurre alcuni Stati a prendere drastiche decisioni.

La situazione in Italia non è rosea, visto che ogni giorno si registrano quasi una settantina di morti per Covid; ieri il picco massimo è stato di 90, in altre Città europee, il numero dei decessi continua ad essere di gran lunga superiore, questi dati dovrebbero far riflettere.

Invece, per migliaia di persone le continue restrizioni vengono intese come privazioni della libertà, per tale motivo si continuano a registrare numerose manifestazioni di protesta.

A Bruxelles, sede del Parlamento Europeo, fra Domenica e Lunedì’ si sono registrati scontri con la polizia nel momento in cui i dimostranti hanno cercato di entrare nel perimetro dove sono ubicati i Palazzi della UE.

Ieri sempre a Bruxelles era stato proclamato uno sciopero generale, ha interessato numerosi settori della vita pubblica ad iniziare dai trasporti per finire alle attività commerciali; oggi si avranno dati certi su quanti hanno aderito allo sciopero.

In questo marasma generale, sia in Italia che in altri Paesi europei, i Governi stanno prendendo soluzioni alcune volte impopolari, per contenere il virus, impresa ardua ma non impossibile.

Un vero e proprio tira e molla fra le parti, ma al centro di queste continue diatribe si trovano milioni di persone che vorrebbero continuare a vivere affidandosi alla scienza, non alla scemenza.

Mauro Lo Piano / Redazione Sicilia