33.4 C
Castellammare di Stabia

Tragedia per l’orsa marsicana Amarena: coabitazione e responsabilità!

LEGGI ANCHE

Una storia di coabitazione e responsabilità. Scopri cosa è successo all’orsa marsicana Amarena, e come possiamo contribuire alla conservazione.

Punti Chiave Articolo

In breve: L’orsa marsicana Amarena è stata uccisa in Abruzzo, suscitando indignazione e indagini. Nonostante le sue incursioni in aree abitate, Amarena non aveva mai mostrato aggressività verso gli esseri umani. Questo episodio solleva domande sulla coabitazione tra orsi e comunità locali e sottolinea la necessità di coinvolgere le popolazioni nella conservazione degli orsi marsicani.

L’uccisione dell’orsa marsicana Amarena e il senso di responsabilità collettiva

L’anno 2023 è stato un periodo difficile per gli orsi, soprattutto in Abruzzo, dove l’orsa marsicana Amarena ha perso la vita. La notizia della sua uccisione ha scosso la comunità locale e suscitato indignazione tra i sostenitori della conservazione della fauna selvatica. Mentre le indagini sono in corso per stabilire chi sia responsabile, questo tragico episodio solleva interrogativi importanti sulla responsabilità collettiva nella protezione di specie uniche come l’orso marsicano.

Cosa è successo all’orsa marsicana Amarena

La sera del 31 agosto, un uomo ha sparato mortalmente all’orsa marsicana Amarena, identificata con il codice F17, in una zona periferica di San Benedetto dei Marsi, al di fuori dei confini del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Le autorità stanno indagando sulla dinamica e le responsabilità di questo tragico incidente. Un’ipotesi plausibile è che l’orsa si sia introdotta in una proprietà privata, mettendosi così in pericolo.

Ciò che è importante sottolineare è che Amarena, nonostante le sue incursioni nei centri abitati, non aveva mai mostrato aggressività verso gli esseri umani. Le sue abitudini erano uniche: oltre a cercare cibo più facilmente nei centri abitati (il suo nome “Amarena” derivava dalla sua predilezione per i frutti), utilizzava questi luoghi come rifugio per proteggere i suoi cuccioli dagli orsi maschi del Parco, che avrebbero potuto costituire una minaccia per loro.

L’orsa marsicana

Amarena faceva parte della popolazione di orsi marsicani che abita nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Questa sottospecie di orso bruno è unica al mondo e ha un’importanza cruciale per la conservazione della biodiversità. Attualmente, la popolazione di orsi marsicani conta circa una sessantina di individui, ed è a rischio di estinzione.

Gli orsi marsicani sono animali imponenti, con maschi adulti che possono raggiungere un peso tra i 140 e i 210 kg e una lunghezza di 150-180 cm. Sono onnivori, cibandosi di una varietà di alimenti, dalla frutta agli insetti. Durante l’inverno, smettono di nutrirsi e trascorrono il tempo in un tipo di letargo, sopravvivendo grazie alle riserve di grasso accumulate durante il resto dell’anno.

I rapporti con l’essere umano

Contrariamente a molte altre regioni in cui l’orso bruno è stato reintegrato, l’orso marsicano ha coabitato con successo con gli esseri umani nelle aree circostanti al Parco. La convivenza è stata descritta come serena e positiva, grazie all’informazione delle comunità locali su come comportarsi in presenza di questi animali.

Gli esperti raccomandano di non avvicinarsi agli orsi selvatici e di non nutrirli per la sicurezza di tutti. Se si verifica un incontro ravvicinato, è consigliabile allontanarsi con cautela e non diventare minacciosi. Nel caso in cui un orso si avvicini a centri abitati o a proprietà private, la regola è di avvisare immediatamente le autorità competenti per ricevere istruzioni. In caso di danni, le autorità procedono con indagini e con la pulizia dell’area per prevenire ulteriori attrazioni per gli orsi.

La coabitazione e il senso di responsabilità collettiva

Nonostante la positiva convivenza, la coabitazione tra esseri umani e orsi rimane un soggetto di studio in costante evoluzione. Recentemente, un team di ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma ha collaborato con l’Istituto spagnolo di studi sociali avanzati e il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise per analizzare le condizioni di coesistenza tra esseri umani e orsi marsicani.

Il loro lavoro ha sottolineato la necessità di coinvolgere ulteriormente la popolazione locale nella conservazione di questa specie a rischio. Questo coinvolgimento deve avvenire attraverso nuove forme di collaborazione, pianificazione e condivisione gestionale. L’obiettivo è promuovere un senso di responsabilità collettiva tra istituzioni e comunità locali, rendendo moralmente inaccettabili comportamenti individuali che mettono a rischio una specie di così alto valore come l’orso marsicano. Questa tragedia con Amarena ci ricorda che la conservazione della fauna selvatica richiede uno sforzo congiunto di tutti noi.


Gianandrea Celentano è un nuovo centrocampista della Virtus Stabia

Gianandrea Celentano, classe 2002, vestirà la maglia biancazzurra. Il calciatore, nato a Roma, è cresciuto nel settore giovanile della Juve Stabia. L’ultima stagione ha...
Pubblicita

Ti potrebbe interessare