Politica

Resa dei conti Raggi-M5S a Roma

Virginia Raggi, durante una pausa a margine della riunione in Campidoglio
Virginia Raggi, durante una pausa a margine della riunione in Campidoglio

A Roma è resa dei conti tra Virginia Raggi e il direttorio M5S I vertici chiedono alla sindaca di rivedere le nomine di 4 membri dell’amministrazione capitolina considerati espressione dei “vecchi poteri”. La prima cittadina tenta di non cedere su tutta la linea. Oggi il direttorio la incontra. Esplode la protesta della base M5S e sul blog di Beppe Grillo alcuni messaggi vengono depennati. Per il Movimento la grande opportunità di governare la capitale si trasforma in una prova ad alto rischio.

Braccio di ferro tra il direttorio M5S e la Raggi. Processo a Di Maio. Lui in lacrime: “Sì, sapevo”
La sindaca cede a Grillo su Marra e Romeo, ma s’impunta su Muraro e De Dominicis. Finisce sotto accusa il candidato premier in pectore, che ammette di aver saputo dell’indagine sull’assessora: «Ho letto quella mail, ma ho capito male». Taverna: si è montato la testa

ROMA – «Nulla sarà più tollerato» dice Beppe Grillo al telefono. Virginia Raggi è avvisata. O fa come le dicono i vertici del Movimento o le toglieranno il simbolo e ognuno per la sua strada. Così si conclude la giornata più lunga del M5S. Una giornata che ha un altro protagonista, forse il più importante, sotto accusa. Potrebbe partire da qui il racconto, dagli occhi Luigi Di Maio. Stanchi, quasi in lacrime, racconta chi è stato testimone della riunione più lunga della storia del Movimento fondato da Grillo e Gianroberto Casaleggio. Durante l’incontro fiume vengono prese decisioni senza appello sul cerchio magico della sindaca.

Nella lotta di potere interna al M5S sono costretti a intervenire anche Grillo e Davide Casaleggio. Il comico chiama lo staff, poi alcuni deputati, infine Raggi che nel frattempo è in continuo contatto con la riunione del direttorio alla Camera. «Non voglio più sentire il nome di Raffaele Marra associato al M5S. Non è accettabile che il vecchio sistema legato ad Alemanno gestisca il Campidoglio». Lei resiste. Prima dice che lo sposta, poi rifiuta. Il balletto dura qualche ora. Alla fine cede. Marra esce dal gabinetto della sindaca mentre vengono ridimensionati ruolo e stipendio di Salvatore Romeo.

Virginia Raggi e gli altri protagonisti della tempesta in Campidoglio

LEGGI ANCHE – Lotta di potere sull’eredità di Casaleggio

Ma i vertici del M5S vogliono di più. Chiedono la testa di Paola Muraro, assessora all’ambiente indagata, e di Raffaele De Dominicis, il nuovo assessore al Bilancio appena nominato: «Ha il marchio dello studio Sammarco e del giro di Previti» le dicono. Ma su questo non molla. Il braccio di ferro con il direttorio continua: «Su Muraro avevamo detto che prima leggevamo le carte» dice Raggi, che con i suoi si sfoga: «Io prima devo pensare a Roma, poi al M5S. De Dominicis è un magistrato della Corte dei Conti, non si tocca». Oggi si vedrà come andrà a finire. Nel frattempo il Movimento deve gestire un’altra grana altrettanto pesante, se non di più. «Scusate» ripete più volte Luigi Di Maio, l’enfant prodige appena trentenne a cui l’Italia pentastellata aveva offerto il proprio destino. «Ho letto quella mail ma ho capito male» è la sua difesa.

Il processo a Di Maio comincia alle 9.30 del mattino nel peggiore dei modi. Nelle stanze che ospitano i gruppi del M5S viene sommerso di accuse da Paola Taverna e Carla Ruocco. Sono «indiavolate» spiega chi era lì. «Luigi io non me faccio lasciare la responsabilità solo a me. Io ti avevo avvertito. Siete solo ragazzini che si sono montati la testa» urla la Taverna, la senatrice che è stata tirata in ballo da Virginia Raggi durante l’audizione di lunedì alla commissione di inchiesta sui rifiuti. La sindaca seduta accanto all’assessora ha fornito nel giro di poche ore due versioni differenti. Ha detto di aver informato i vertici 5 Stelle, per poi precisare, qualche ora dopo, di averlo detto solo al minidirettorio romano guidato dalla senatrice Taverna. «Non a Di Maio e a Grillo». Una correzione di rotta dovuta anche al caos scatenato nel frattempo nel M5S dalle sue rivelazioni. Taverna però non la manda giù, non vuole passare per quella che ha taciuto un notizia così importante e nella notte tra lunedì e ieri lascia trapelare di aver inviato una mail a Di Maio il 5 agosto. Qui la storia prende tutta un’altra piega. Perché non solo l’assessora sapeva dal 18 luglio, dopo aver chiesto la certificazione alla procura, di essere iscritta nel registro degli indagati dal 21 aprile. Non solo lo sapeva Raggi che, informata dall’assessora il giorno seguente, tenta le capriole in avvocatese specificando la differenza tra avviso di garanzia (non ricevuto) e iscrizione sul registro degli indagati. Qui è la testa del M5S, l’uomo più in vista, il candidato premier, a essere accusato di aver mentito come Muraro e come Raggi. O, perlomeno, di aver nascosto la verità.

E allora nella giornata più convulsa, mentre si alternano riunioni tra il Campidoglio e Montecitorio, in un guerra di tutti contro tutti, il M5S deve capire quale strategia di emergenza adottare per salvare il prescelto Di Maio e l’intera baracca. Perché quella mail lui l’ha ricevuta ed è lui stesso ad ammetterlo. «Muraro ha chiesto la certificazione ai pm e risulta indagata da aprile per reati ambientali». Questo il contenuto di quello che scrive Taverna a lui e in copia conoscenza a Fabio Massimo Castaldo, Stefano Vignaroli e Gianluca Perilli, tutti i membri del minidirettorio. Taverna scrive solo a lui perché responsabile degli enti locali.

LEGGI ANCHE – Berdini: fili oscuri imprigionano Virginia, grumi di potere fanno capo a Marra e Muraro

Durante la riunione di ieri Ruocco è senza freni: «Ti stai comportando come una Raggi al quadrato» gli dice. Anche lei membro del direttorio, era già infuriata per le dimissioni secondo lei telecomandate da fuori di Minenna: «Sei tu che hai scelto di difendere a oltranza la Raggi». I deputati lo scrutano mentre il suo volto si scava nell’imbarazzo. Gli chiedono il perché del suo silenzio. Anche Fico che come Ruocco e Sibilia (il più arrabbiato di tutti, raccontano) prendono le distanze. «Lo abbiamo saputo dai giornali! Vi rendete conto?». Di Maio non si nasconde, spiega di aver sottovalutato la questione, di essersi «confuso» e lo motiva così: «Avevo saputo dall’audizione di Daniele Fortini (ex ad di Ama) in Ecomafia il 3 agosto che era andato a denunciare Muraro. Che fosse indagata mi sembrava quasi dovuto, ma mi sembrava una notizia tipo quella delle indagini su Raggi». Poi quasi in un estremo sussulto di difesa: «Non pensate che senza di me troverete un altro nome. È tutto il M5S a perdere».

LEGGI ANCHE – Il direttorio M5S preme su Raggi: lascino Marra e Romeo, ma anche Muraro e De Dominicis

Già oggi molto probabilmente Di Maio offrirà le sue scuse al popolo dei 5 Stelle. Intanto, declina all’improvviso l’invito su Raitre alla tramissione Politics. Anche Alessandro Di Battista annulla la tappa del suo tour sulla costituzione. Bisogna salvare il Movimento, la tv può aspettare.

LEGGI ANCHE – All’Ombra del Campidoglio (Lo Piano RedSaint)

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/politica
vivicentro/Resa dei conti Raggi-M5S a Roma
lastampa/Braccio di ferro tra il direttorio M5S e la Raggi. Processo a Di Maio. Lui in lacrime: “Sì, sapevo” ILARIO LOMBARDO

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale