Quantcast

Politica

Formigoni si sfoga: “Ho perso tutto”

Formigoni si sfoga: “Ho perso tutto”

Condannato a 7 anni e mezzo di carcere per corruzione nel processo sul caso Maugeri, Roberto Formigoni parla al Corriere della Sera. Uno sfogo sulla sua situazione. “Ho fatto le vacanze da un amico e vivo in casa con altre persone. Avevo da parte 2.000 euro per un viaggio. Li ho messi via. Mi auguro che la Corte decida in fretta”. L’ex presidente della Regione Lombardia, parla di “processo a 20 anni di governo virtuoso della Lombardia”.

“Mi hanno condannato al rogo e alla damnatio memoriae”, dice l’ex Governatore, che si definisce “costernato. Ma costernato più per l’Italia che per me perché l’Italia una volta era la patria del diritto”. Ai giudici contesta di essere accusato “Di aver favorito la Maugeri e il San Raffaele con delle delibere di giunta e una legge. Sono tutti atti collegiali e condivisi che hanno coinvolto funzionari, l’assessore alla Sanità e i colleghi di giunta che l’hanno votata. Perché – domanda – solo Formigoni”.

Poi incalza, “da solo non potevo far nessun atto di spesa. E poi gli atti hanno passato il vaglio di legittimità dell’avvocatura, del Tar, della Corte di Conti, del Consiglio di Stato. La legge sul no profit è stata votata anche dalla sinistra con la sola astensione di Prc perché è una buona legge che risponde ai bisogni della gente”. E al cronista che gli chiede perché non si è mai fatto interrogare, ‘il Celeste’ spiega di aver “scelto come previsto dalla legge di rendere una dichiarazione spontanea. In quattro ore ho risposto a tutte le accuse che mi sono state sollevate”.

“I tribunali – dice – devono condannare per i reati commessi e non per eventuali inopportunità tutte da discutere. Entriamo nel merito delle utilità: 6 milioni e mezzo? Falso. Mi hanno considerato proprietario delle barche pagate 4 milioni su cui Daccò mi ha ospitato per qualche week end e non hanno neppure creduto alla Guardia di Finanza che attestava come la somma di 600mila euro sia rimasta per anni giacente nei conti di Daccò”.

“Mi hanno sequestrato tutto. Sei appartamentini in comproprietà con i miei fratelli – risponde – e tre utilitarie. A giugno, la Corte dei Conti mi ha sequestrato l’intera pensione anche se la pensione è sequestrabile solo per un quinto. Ho fatto ricorso. Era la mia unica fonte di sostentamento. Non ho il vitalizio”.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Luisa Di Capua

Nata il 7 febbraio a Castellammare di Stabia.
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con specializzazione magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università degli Studi di Parma.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania