Quantcast

La Politica e la terra dei cachi
Opinioni Politica

L’Italia e “la terra dei cachi”: Spread sì, Spread no. Europa sì, Europa no! Cercasi Livella!

Riparte una nuova settimana ma musica e parole restano sempre quelle e tanto ricordano “la terra dei cachi”* di Elio e le storie tese, ma anche “Povera Italia”*di Battiato. E che dire di “‘A Livella”*di Totò.

Che dire, giriamola e rivoltiamola come ci pare ma intanto la realtà è che lo Spread, dopo un illusorio calo, comincia a risalire ed oggi arriverà anche la risposta del governo alla lettera di richiamo dell’Unione Europea: spiegheremo le ragioni della nostra manovra che riduce debito e deficit investendo nei diritti dei cittadini ha detto Di Maio, ma intanto resta sempre chi continua a non credergli.

Il commissario europeo agli affari economici, Pierre Moscovici, infatti, è ancora critico sulla manovra italiana:

il rischio è che non rilanci affatto la crescita ma anzi che l’affossi, perché c’è poco investimento. Chi pagherà il debito? Il rischio è che cada sulle spalle delle generazioni future. Un bilancio che aumenta il debito non è buono per il popolo, ha ribadito concludendo, e sono sempre i più vulnerabili che alla fine dovranno pagare.

Ma il vice premier Di Maio resta sulle sue posizioni e, parlando della manovra 2019, afferma:

Stamattina manderemo la lettera alla commissione europea in cui ribadiremo che siamo disponibili a sederci al tavolo e riconoscere come interlocutori le istituzioni europee. Sembra scontato, ma c’è la percezione di un governo che non vuole interloquire, che vuole farsi i fatti suoi, ma noi siamo nell’euro e nell’Europa ci vogliamo restare”, ha precisato.

Che dire? Boh! Bah! Intanto arrivano anche i dati delle elezioni in Alto Adige che sembrano confermare la spinta xenofoba e razzista che sta pervadendo anche l’Italia. I dati, infatti, vedono il boom della Lega, lieve calo del partito del Sud Tirolo.

Dati incredibili, così con un messaggio su Facebook Matteo Salvini ha commentato i risultati delle provinciali. Il partito del Sud Tirolo scende al 41,8%, cresce ancora la lega che nei quartieri popolari di Bolzano diventa il primo partito sfiornado il 30%. A livello Provinciale il Carroccio è il terzo partito con 11,2% dietro al movimento fondato dal dissidente grillino Paul Koellensperger al 15,2%, i Cinque stelle scendono al 2,4%, in leggero calo i verdi che si confermano la prima forza del centro-sinistra davanti a un PD in caduta libera. Per i dati di Trento bisognerà invece attendere ancora.

Questo è, a questo momento, per cui ci fermiamo qui e vi rimandiamo ai prossimi aggiornamenti non senza prima ricordare, a Salvini & Co, ai razzisti, agli xenofobi, a tutti gli italioti in qualsiasi salsa si sentano conditi, che: “c’è sempre qualcuno che è più a nord di noi”; “si è sempre più meridionali di qualcuno”; “si è sempre più indesiderabile di qualcuno”; “si è sempre più cretini di qualcuno”; “si è sempre più poveri di qualcuno”; “si è sempre più deboli di qualcuno” “si è sempre…..” e se già non lo si è, si può diventarlo per cui, parafrasando il finale della meravigliosa poesia di Totò “’A Livella”: mettiamoci l’animo e la mente in pace e facciamo i seri. Noi (ci dicono) siamo “uomini”, per cui, smettiamola con queste fantasie e con lo gioire delle altrui disgrazie: nemmeno gli animali lo fanno!

Mercati, Spread in risalita

Occhio sui mercati dopo la bocciatura del rating dell’Italia. Spread in risalita (297.61)

La terra dei cachi testo

Parcheggi abusivi, applausi abusivi, villette abusive, abusi sessuali abusivi;

tanta voglia di ricominciare abusiva.

Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate;

il visagista delle dive è truccatissimo.

Papaveri e papi, la donna cannolo, una lacrima sul visto:

Italia si’ Italia no Italia bum, la strage impunita.

Puoi dir di si’ puoi dir di no, ma questa è la vita.

Prepariamoci un caffe’, non rechiamoci al caffe’: c’e’ un commando che ci aspetta per assassinarci un po’.

Commando si’ commando no, commando omicida.

Commando pam commando papapapapam, ma se c’e’ la partita

il commando non ci sta e allo stadio se ne va,

sventolando il bandierone non piu’ sangue scorrera’;

infetto si’? Infetto no? Quintali di plasma.

Primario si’ primario dai, primario fantasma,

io fantasma non saro’ e al tuo plasma dico no.

Se dimentichi le pinze fischiettando ti diro’

“fi fi fi fi fi fi fi fi ti devo una pinza, fi fi fi fi fi fi fi fi, ce l ‘ ho nella panza”.

Viva il crogiuolo di pinze. Viva il crogiuolo di panze.

Quanti problemi irrisolti ma un cuore grande cosi’.

Italia si’ Italia no Italia gnamme, se famo du spaghi.

Italia sob Italia prot, la terra dei cachi.

Una pizza in compagnia, una pizza da solo; un totale di due pizze e l’Italia è questa qua.

Fufafifi’ fufafifi’ Italia evviva.

Italia perfetta, perepepe’ nanananai.

Una pizza in compagnia, una pizza da solo:

in totale molto pizzo, ma l ‘ Italia non ci sta.

Italia si’ Italia no, Italia si’

ue’, Italia no, ue’ ue’ ue’ ue’ ue’.

Perché la terra dei cachi è la terra dei cachi. No

Povera patria testo

Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere

di gente infame, che non sa cos’è il pudore,

si credono potenti e gli va bene quello che fanno;

e tutto gli appartiene.

Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!

Questo paese è devastato dal dolore…

ma non vi danno un po’ di dispiacere

quei corpi in terra senza più calore?

Non cambierà, non cambierà

no cambierà, forse cambierà.

Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?

Nel fango affonda lo stivale dei maiali.

Me ne vergogno un poco, e mi fa male

vedere un uomo come un animale.

Non cambierà, non cambierà

sì che cambierà, vedrai che cambierà.

Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali

che possa contemplare il cielo e i fiori,

che non si parli più di dittature

se avremo ancora un po’ da vivere…

La primavera intanto tarda ad arrivare.

‘A Livella

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo.calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé.-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania