Attualità

Nonostante le campagne negative, in Italia migliora la fiducia nell’euro e nelle istituzioni

Nuovi consensi arrivano in favore dell’euro (+3% rispetto all’autunno scorso): enorme balzo in avanti per la fiducia dell’Italia nei confronti del Parlamento Europeo (+7%)

In Italia il livello di fiducia nell’euro resta più basso rispetto alla media europea, ma è comunque in aumento rispetto all’autunno scorso: nonostante le campagne contro l’Europa e la moneta unica, il 61% degli intervistati è a favore, il 29% contro, il resto “non sa”; Nell’Eurozona tre quarti dei cittadini si dichiarano a favore della moneta unica (74%) come nell’autunno 2017. Sono i dati dell’ultimo sondaggio Eurobarometro, ricavati da 33mila interviste in tutta l’Unione europea, effettuate a fine marzo. L’indice di sostegno all’euro (che misura la differenza tra favorevoli e contrari) ha raggiunto quota +54, il livello più alto dal 2004.
Migliora l’atteggiamento degli italiani nei confronti del progetto europeo, riferisce IlSole24Ore, ma il Paese resta sempre agli ultimi posti. Basta pensare che solo il 48% degli italiani si considera attaccato all’idea di Unione europea, contro il 50% che invece non lo ritiene un concetto da fare proprio ignorando che il prospetto di un Europa unita sia nato proprio in Italia.
Forse anche perché il 66% (assieme al 70% di estoni e al 67% dei cechi) è convinto che la propria voce non conti nel parlamento europeo. Di conseguenza, il 60% degli italiani ritiene che i propri interessi non siano rappresentati.
La fiducia nell’Unione europea, a livello complessivo è in aumento e con il 42% (+1) e si attesta al livello più alto dall’autunno 2010. In particolare, sale di 5 punti, al 50%, la fiducia nel Parlamento, l’unica istituzione europea ad elezione diretta. In Italia il 49% ritiene affidabile l’Europarlamento, con un balzo di ben 7 punti percentuali rispetto all’autunno scorso.
Dietro al Parlamento c’è la Commissione, con 46% (+4) di cittadini che la ritiene affidabile, segue la Bce (41%, +2) e infine il Consiglio, solo al 35%. «Grazie a tutti i miei colleghi» ha scritto su Twitter il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani. «Dobbiamo continuare a dare risposte concrete sulle priorità dei cittadini, a cominciare dall’immigrazione».
Proprio l’immigrazione, infatti, resta la prima preoccupazione dei cittadini europei, anche se in leggero calo: per il 38% è la principale sfida che la Ue si trova ad affrontare. Tuttavia, solo il 6% degli europei indica l’immigrazione come un problema che lo tocca direttamente. In Italia, queste due percentuali sono rispettivamente il 41 e il 12%. In forte diminuzione, invece, la paura del terrorismo che registra un calo di 9 punti percentuali attestandosi al 29%.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania