Quantcast

Banner Gori
Cronaca

Lutto nel mondo del cinema, addio al Maestro Franco Zeffirelli

Ci lascia il Maestro Zeffirelli, uno dei più grandi registi di fama mondiale. Lunedì mattina a Firenze, sarà allestita la camera ardente 

di Maria D’Auria

Roma- Regista, sceneggiatore, attore e scenografo. Franco Zeffirelli ci lascia a 96 anni dopo una lunga malattia, spegnendosi serenamente nella sua villa sull’Appia. Aveva da poco terminato il suo ultimo lavoro da regista, una nuova versione della “Traviata” che il 21 giugno inaugurerà l’apertura della stagione del Festival Lirico all’Arena di Verona.

Nato a Firenze il 12 febbraio 1923, Franco Zeffirelli è stato un maestro di fama  internazionale. L’incontro con Luchino Visconti nel 1948, che lo volle accanto a sé come scenografo, segna l’inizio di una grande amicizia ma anche l’amore per il teatro che non lascerà per tutta la vita. “Il Teatro ha sempre nutrito le mie speranze di cinema e fornito soluzioni”, affermò Zeffirelli. Attento ai dettagli storici in maniera quasi maniacale e con una visone che va oltre la normale regia, quando negli anni Cinquanta si cimenta nella lirica e nel cinema, la sua fama sbarca oltreoceano.

Nel 1960, all’Old Vic di Londra, è il primo italiano a dirigere “Romeo e Giulietta” e poi “Amleto”, in inglese -lingua imparata a scuola durante il fascismo- e lì esporta anche il teatro di  Eduardo De Filippo presentando  “Filumena Marturano” e “Sabato, domenica e lunedì” con Laurence Olivier.

Le opere teatrali e liriche, con la sua regia, fanno il giro del mondo, dall’Arena di Verona a New York e oltre. Il suo successo è inarrestabile e non viene scalfito neppure dalle critiche rivolte al suo  gusto estetico.

Due nomination agli Oscar e un Golden Globe per Miglior Regista, cinque David di Donaltello, il Maestro Zeffirelli fu amato forse più all’estero che in Italia.

Lo ricorderemo per film che hanno segnato la storia del cinema, come  Giulietta e Romeo, La bisbetica domata, Gesù di Nazareth, Fratello sole, sorella luna, Amleto, La traviata, Maria Callas (che fu sempre la su Musa), Storia di una Capinera e tantissimi altri.

Lunedì mattina nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio, nella sua città natale, sarà allestita la camera ardente . “Tutto il mondo potrà salutarlo nella sua Firenze”, ha annunciato su twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella.copyright-vivicentro

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Maria D'Auria

Maria D'Auria

Giornalista campana di adozione romana. Laureata in giurisprudenza, impegnata nel sociale, appassionata di lettura, scrittura, fotografia. Collaboratrice della testata ViVicentro.it, referente per la Regione Lazio. Esperta di comunicazione, cronaca sportiva, inchieste, eventi.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania