Quantcast
Banner Gori
Cronaca

Apologia di Fedeli. “Sempre più migliori”: NO, il Ministro non ha sbagliato

No, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, non ha sbagliato. La stampa ha subito crocifisso il Ministro, esultando per il suo ennesimo scivolone grammaticale.

Ma permettetemi di “spezzare una lancia” a favore della Fedeli. Nel corso dell’intervento, tenutosi durante “Stati generali dell’alternanza scuola-lavoro”, l’espressione: “perché offrano percorsi di assistenza sempre più migliori a studenti e studentesse”, come riportato da Il Foglio, ha subìto un ingiusto processo alle intenzioni, perché  quel “sempre più” indica l’avverbio vieppiù (in modo sempre maggiore, ancora, sempre più).

Cari colleghi, cari italiani, la prossima volta consiglio un’analisi più attenta delle dinamiche. Anzi, condannare è sempre più semplice, soprattutto nel periodo in cui le notizie camminano velocemente in questo mondo fatto di internet.

Quindi, il Ministro non ha sbagliato. Non questa volta. Diamo a Cesare quel che è di Cesare. Una laurea non conferisce il dono dell’“impossibilità di sbagliare”. Adesso, come in tante altre occasioni e forzature della lingua italiana, aspettiamo il verdetto dell’Accademia della Crusca, che è già intervenuto per rendere lecito quello che agli occhi di tutti è sembrato un errore grave.

a cura di Maria Ida Sorrentino

RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Maria Ida Sorrentino

1 Commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ah sì? E che l’avverbio vieppiù (che contiene “più” e quindi dovrebbe valere la stessa regola) si possa usare davanti a migliori dove lo ha letto, mi scusi?

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più