Distributore automatico in ufficio, come sceglierlo e organizzarlo

Il distributore automatico è un punto fermo della vita in ufficio. Offrono ai dipendenti un modo per procurarsi snack e bevande a loro piacimento

Il distributore automatico è un punto fermo della vita in ufficio. Offrono ai dipendenti un modo per procurarsi snack e bevande a loro piacimento, senza dover lasciare il luogo di lavoro. Possono essere particolarmente utili per fare una piccola pausa dalle attività lavorative e ritrovarsi tra colleghi a scambiare quattro chiacchiere.

Come scegliere il distributore automatico più adatto

Innanzitutto, è bene scegliere qualcosa che sia adatto allo spazio e al budget che si ha a disposizione. Se l’ambiente non è molto ampio, si consiglia di installare distributori automatici più piccoli e con più opzioni rispetto a quelli più ingombranti. Se poi se ne ha la possibilità, è meglio acquistare un modello recente e di ottima qualità, così da non da dover continuamente fare manutenzione.

Bisogna poi pensare al numero di macchine da collocare in ufficio: questo dipenderà da quanti dipendenti le utilizzeranno regolarmente. Meglio considerare il montaggio di più distributori automatici se la domanda è elevata o se si vuole offrire una varietà di snack e bevande molto ampia.

Infine, la collocazione: è importante installare i distributori automatici vicino alle aree in cui i dipendenti si riuniscono spesso o passano la maggior parte del tempo a lavorare, come ad esempio i dispenser d’acqua. In questo modo saranno comodi e facilmente fruibili per tutti coloro che ne avranno bisogno. Il distributore automatico, infatti, è sinonimo di pausa, un momento fondamentale per ritrovare sé stessi e la concentrazione.

Cosa inserire nel distributore automatico

Se l’ufficio dispone di un bar in loco, allora potrebbero non essere necessari tanti tipi di caffè. In caso contrario, però, è consigliabile mettere a disposizione dei dipendenti una varietà abbastanza ampia di bevande, dal cappuccino alla camomilla, fino ad arrivare al semplice espresso. In questo modo ci si assicurerà che ci sia sempre qualcosa da bere.

Distrubutore automatico Depositphotos_30373389_LAttenzione che la macchinetta sia sempre rifornita, sia di prodotti di caffetteria che di cucchiaini e bicchieri. Per questi accessori è bene evitare la plastica, difficile da smaltire, soprattutto se tra i valori aziendali rientra la salvaguardia dell’ambiente. Per una cura del dettaglio si può pensare di acquistare bicchieri di carta su axonprofi.it, così da personalizzarli con il logo dell’attività e rendere ogni caffè altamente riconoscibile.

Bisogna poi considerare quali snack e cibi inserire nel distributore automatico. Generalmente vengono offerte opzioni salutari accanto a quelle più golose, per garantire ai dipendenti una dieta sana ed equilibrata. È importante anche includere alternative vegane e gluten free per essere sicuri che tutti abbiano qualcosa da gustare.

Infine c’è da pensare alla varietà dei prodotti. Mangiare sempre le stesse cose non solo alla lunga può annoiare, ma nemmeno è positivo per la salute. Puntare su una vasta scelta di snak e bevande, quindi, è senza dubbio una mossa vincente: sarebbe auspicabile mantenere almeno due opzioni diverse per ogni categoria, così che i dipendenti abbiano sempre prodotti diversi tra cui scegliere.

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV