Longo, scopriamo l’allenatore avversario delle Vespe

LEGGI ANCHE

Visite : 3

Emilio Longo con il suo Picerno è stato sicuramente uno degli allenatori che più si è messo in mostra nel campionato di Lega Pro Girone C 2022-2023.

Con il suo modulo tattico 4-2-3-1 è stato capace per lungo tempo di tenere, in quanto a punti conquistati, quasi lo stesso ritmo del Catanzaro capolista. Basti pensare che nelle ultime 14 gare il Picerno ha perso solo 2 volte (Monopoli e Catanzaro) e che prima dell’ultima sconfitta di Monopoli di giovedì scorso, i lucani erano in serie positiva da 4 gare e fuori casa l’imbattibilità durava da 6 giornate di campionato.

LA CARRIERA DI EMILIO LONGO PRIMA DI APPRODARE AL PICERNO.

Longo, nato a Salerno il 25 agosto 1973, è alla sua prima esperienza nel calcio professionistico. Scelta oculata quella del Picerno che ha individuato questo tecnico che ha avuto una lunga gavetta tra i dilettanti.

Dopo le prime esperienze nel 1999-2000 col Pontecagnano e poi alla Picenzia, Longo ha allenato diverse squadre in Serie D. Tra di esse Gelbison, Turris, Battipagliese, San Severo, Cavese e Folgore Caratese allenata da Longo dalla stagione 2018-2019 fino all’ultimo campionato 2021-2022.

L’unica esperienza tra i professionisti per Longo è stata con il Livorno in Serie B nel campionato 2014-2015 da allenatore in seconda di Carmine Gautieri, esonerato dopo 22 giornate.

Nell’ultima stagione 2021-2022 Emilio Longo ha allenato la Folgore Caratese in Serie D, arrivando quinto in classifica ed è stato eliminato in semifinale contro il Legnano.

Non ci sono ovviamente precedenti tra i due tecnici, Pochesci e Longo, che non si sono mai affrontati in carriera. Inoltre Longo ha affrontato in carriera la Juve Stabia solo nella gara di andata dell’8/10/2022 terminata col punteggio di 1-0 per le Vespe con gol di Mignanelli. Mentre Pochesci, allenatore della Juve Stabia, ha affrontato il Picerno in una sola occasione: il 6 ottobre 2019 Bisceglie (allenato da Pochesci)-AZ Picerno 2-2.

 


Juve Stabia TV


Potenziamento del Monitoraggio Sottomarino dei Campi Flegrei: Sicurezza e Prevenzione

Nuove tecnologie migliorano la sorveglianza della caldera sottomarina per una gestione più sicura dei rischi vulcanici.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare