Salone Internazionale del Libro edizione n.36: ancora una volta un successo strepitoso

LEGGI ANCHE

L’edizione n.36 del Salone Internazionale del Libro si è conclusa in un tripudio di gioia e partecipazione il lunedì 13 maggio, dopo cinque giorni intensi che hanno visto la presenza di 222.000 visitatori provenienti da tutto il mondo. Questo straordinario evento letterario ha offerto un’esperienza unica, permettendo agli appassionati di incontrare autori, esplorare case editrici e immergersi in un mondo di parole e immaginazione.

Con oltre 137.000 metri quadrati di spazio espositivo, più di 800 stand e una vasta gamma di eventi, il Salone ha fatto sognare i partecipanti, tracciando nuove strade attraverso la letteratura e offrendo uno sguardo sul mondo attraverso le parole dei suoi ospiti. La presenza di illustri rappresentanti, tra cui il Presidente dell’Associazione Torino, il rappresentante istituzionale della Regione Campania e numerosi altri, ha aggiunto prestigio all’evento.

Quest’anno, il nuovo Padiglione 4 ha riscosso un grande successo, insieme ad altri spazi espositivi come l’Oval, il Centro Congressi e la Pista 500, offrendo un’esperienza ancora più ricca e coinvolgente. Un particolare riconoscimento va al programma dedicato alla lingua tedesca, che ha attirato l’attenzione di molti visitatori e ha contribuito a consolidare il Salone come punto di riferimento per la cultura europea.

La presenza della Liguria come Regione ospite ha aggiunto un tocco di magia alla manifestazione, con uno spazio ispirato ai borghi liguri che ha ospitato eventi culturali e presentazioni di libri di grande interesse. Gli incontri con autori, poeti e musicisti hanno affascinato il pubblico, confermando l’importanza della regione nel panorama letterario italiano.

Il Bookstock e i giovani al Salone

Il Bookstock è la casa delle bambine, dei bambini e dei giovani che, accompagnati da insegnanti e famiglie, anche quest’anno hanno attraversato e fatto vivere i 6000 metri quadri del nuovo padiglione 4, novità di questa edizione. Uno spazio per condividere, crescere, sperimentare.
Durante questa edizione, tutti gli eventi destinati alle scuole e tenutisi fuori e dentro il Bookstock sono andati sold out. Tra i momenti che hanno riscosso maggiore successo c’è stata l’escape room organizzata dall’Istituto Nazionale di Fisica, che ha accolto oltre 1.000 bambini e adulti e il laboratorio “Io non rischio” della Protezione Civile che ha accolto 750 studenti, e il firmacopie con Kira Shell a cui hanno preso parte 1.500 persone.

Biblioteca delle passioni

Per il secondo anno al Bookstock ha preso vita uno spazio interamente gestito da giovani e giovanissimi grazie alla collaborazione tra Salone del Libro e CRBS Coordinamento delle Reti di biblioteche scolastiche, e alla partecipazione attiva di oltre 150 persone giovani aderenti a gruppi di lettura e di militanza come Fridays For Future, TuttoAnnodato, il Tavolo delle Ragazze, Mi prendo il mondo, Torino Rete Libri, e i Riflettori. Nei cinque giorni della manifestazione hanno animato lo spazio e proposto attività, incontri, laboratori, raccontando 6 bibliografie tematiche legate ai loro interessi, ai loro ideali e alle loro passioni. Il pubblico ha risposto in modo entusiasta offrendo i propri consigli di lettura e i propri pensieri sul futuro.

Gruppi di lettura

Diventata più grande e significativa anche la sezione del programma che ha coinvolto gruppi di lettura giovanili da tutta Italia. Quest’anno, i gruppi sono stati 14, di cui 12 selezionati attraverso una call e provenienti dalle scuole secondarie di primo e secondo grado di 11 regioni, coinvolgendo in maniera attiva oltre 400 ragazze e ragazzi dagli 11 ai 20. I ragazzi e le ragazze hanno moderato incontri con gli autori che hanno registrato il tutto esaurito come Vita mia (Rizzoli) di Dacia Maraini in Arena Bookstock (350 posti). Circa 2980 studenti hanno potuto assistere alle interviste condotte da loro coetanei e porre domande a scrittori e scrittrici come la già citata Dacia Maraini, Silvia Avallone, Francesca Giannone, Philippe Lechermeier, Francesco Filippi e Arthur Dreyfus e tanti altri. In alcuni di questi incontri i ragazzi hanno intervistato gli autori per un pubblico di adulti e generalista.

Un libro tante scuole

Sono state distribuite gratuitamente 7.500 copie Cime tempestose di Emily Brontë, con i testi di Annalena Benini e Liliana Rampello, la copertina e l’impostazione grafica di Riccardo Falcinelli, realizzato in collaborazione con Mondadori. Il progetto di lettura condivisa ha coinvolto 350 classi del triennio delle superiori in 19 regioni. Il momento conclusivo del grande percorso di lettura del romanzo è stato lunedì 13 maggio al Salone del Libro, con un appuntamento corale per leggere e commentare con le ragazze e i ragazzi coinvolti nel progetto i loro interventi sul Bookblog. Il progetto è promosso dal Salone del Libro di Torino e dal Main Partner Intesa Sanpaolo, grazie anche al sostegno della Consulta delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte e della Liguria.

L’edizione di quest’anno ha affrontato temi cruciali, come il ruolo delle donne nella società e gli sguardi sul presente, offrendo un dibattito ricco e stimolante. Grazie al lavoro appassionato della redazione e alla partecipazione attiva di professionisti dell’editoria e del giornalismo, il Salone ha offerto una panoramica completa della letteratura contemporanea.

Infine, il successo dell’evento si è riflesso anche nei numeri: la vendita dei biglietti online è cresciuta del 4% rispetto all’anno precedente, con una significativa presenza di giovani e un aumento di visitatori provenienti da diverse regioni italiane. Con oltre 70.000 scatti fotografici e migliaia di articoli pubblicati su diverse piattaforme, il Salone del Libro ha confermato il suo status di evento imperdibile nel panorama culturale italiano.

Il Salone tornerà ad accogliere editori, lettori, autori e appassionati dal 15 al 19 maggio 2025, con un’altra edizione ricca di sorprese e opportunità. Un appuntamento da non perdere per tutti gli amanti della letteratura e della cultura.

Le Foto


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Conchiglioni ripieni, i cugini dei Cannelloni: un primo completo

Se cercate l'idea giusta per un primo piatto della domenica che non sia la solita Lasagna o i soliti Cannelloni o anche i Paccheri, i Conchiglioni Ripieni fanno proprio al caso vostro.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare