Napoli-Liverpool 4-1, l’occhio indiscreto di Natale Giusti

Napoli-Liverpool, considerazioni e analisi sulla brillantissima vittoria degli azzurri allo stadio "Maradona" contro il Liverpool di Jurgen Klopp battuto sonoramente nella prima giornata del Gruppo A di Champions League

Napoli-Liverpool, considerazioni e analisi sulla brillantissima vittoria degli azzurri allo stadio “Maradona” contro il Liverpool di Jurgen Klopp battuto sonoramente nella prima giornata del Gruppo A di Champions League.

LA GRANDE VITTORIA DEL NAPOLI CONTRO IL LIVERPOOL.

La vittoria del Napoli per 4-1 sul Liverpool poteva essere anche più netta di quanto dica il risultato finale, tanta è stata la differenza nel gioco mostrato ieri sera allo stadio “Maradona” dagli azzurri.

Una vittoria soprattutto del centrocampo del Napoli: monumentali infatti sono stati Anguissa, l’ormai solito Lobotka e Zielinski che da quando è stato restituito al suo ruolo di mezzala nel 4-3-3 di mister Spalletti sta dando davvero il meglio di sè.

I vari Fabinho, Milner e gli altri interpreti del centrocampo di Klopp sono stati sbriciolati nella morsa costituita dai tre centrocampisti del Napoli. A sparigliare ancora di più le carte a favore del Napoli ci ha pensato il solito sontuoso Kvaratskhelia che ancora una volta ha fornito una prestazione super entrando in almeno due dei 4 gol del Napoli in maniera decisiva e procurando anche un secondo rigore poi fallito da Osimhen. Al georgiano ieri è mancata solo la gioia del gol strozzata in gola da Van Dijk che ha salvato sulla linea una deviazione a botta sicura di Kvara su assist di Osimhen.

Ma ieri nell’apoteosi della grandissima vittoria degli azzurri è rimarcata anche la grande prova di Alex Meret che ha compiuto almeno due parate decisive fornendo una grande prestazione e facendo capire che per lui si trattava solo di un problema psicologico dovuto alle tante voci che avevano caratterizzato il periodo estivo con i possibili arrivi di Kepa e Navas.

Ora per il Napoli si presenta il vero step da compiere per fare il salto di qualità definitivo: quello di riuscire finalmente a vincere in casa contro le piccole che vengono al “Maradona” con l’unico intento di chiudere tutti gli spazi creando densità in mezzo al campo e cercando di spegnere le fonti di gioco del Napoli come già accaduto con il Lecce e come di sicuro accadrà con lo Spezia che sabato arriva al “Maradona”.

Con lo Spezia di sicuro non verranno concessi tutti gli spazi che ha concesso ieri il Liverpool e potrebbe pesare l’assenza di Osimhen. Ci vorrà il miglior Napoli quindi che se vuole alzare l’asticella dei propri obiettivi deve iniziare a vincere queste gare che sembrano scontate sulla carta ma che in realtà non lo sono.

 

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV