Targhe alterne in Penisola Sorrentina dal 8 Aprile

LEGGI ANCHE

Scopri tutto sulla decisione dei dirigenti delle Polizie municipali della Penisola Sorrentina di far partire la circolazione a targhe alterne a partire dall’8 Aprile.

Targhe alterne in Penisola Sorrentina dal 8 Aprile

    • In breve
        • I dirigenti a capo dei corpi di Polizia municipale della Penisola Sorrentina hanno deciso di far partire, dall’8 Aprile, la circolazione a targhe alterne per ridurre le emissioni inquinanti e il traffico.
          Questa decisione è stata presa per alleviare il traffico e migliorare la qualità dell’aria, in linea con gli sforzi del governo italiano per promuovere la mobilità sostenibile.
          La circolazione a targhe alterne prevede che i veicoli con targhe pari e dispari possano circolare solo in giorni alterni. Questa misura è già stata adottata in molte città italiane, come Roma e Milano, con risultati positivi.

Circolazione a targhe alterne in Penisola Sorrentina a partire dall’8 Aprile: la decisione dei dirigenti delle Polizie municipali.

La Penisola Sorrentina, nota per le sue bellezze naturali e turistiche, spesso si trova ad affrontare problemi di traffico e congestione stradale eppure la decisione dei dirigenti a capo dei corpi di Polizia municipale della Penisola Sorrentina di far partire, dall’8 Aprile, la circolazione a targhe alterne sta suscitando grande attenzione e dibattito nella comunità locale.

La questione riguarda la gestione del traffico nei comuni costieri della Penisola Sorrentina, noti per essere affollati di turisti.

La scelta di introdurre la circolazione a targhe alterne, con il quale i veicoli con targhe pari e dispari potranno circolare solo in determinati giorni della settimana, è stata presa per ridurre l’eccessivo traffico e migliorare la qualità della vita dei cittadini.

L’introduzione della circolazione a targhe alterne potrebbe contribuire a ridurre questo problema, incoraggiando anche l’uso dei mezzi pubblici, della bicicletta e del car sharing.

Questa decisione, tuttavia, ha sollevato preoccupazioni tra gli abitanti della Penisola Sorrentina e molti commercianti, i quali temono che la riduzione del traffico possa avere un impatto negativo sull’economia locale, soprattutto durante la stagione turistica.

Da una parte, bisogna ammettere che la riduzione del traffico può avere effetti positivi sul ambiente e sulla qualità della vita dei cittadini, come ad esempio una diminuzione del rumore e dell’inquinamento atmosferico.

Dall’altra parte, però, è importante trovare soluzioni alternative per garantire un adeguato supporto al turismo e al settore commerciale, che rappresentano un’importante fonte di reddito per la Penisola Sorrentina.

Tuttavia, è importante che questa misura sia applicata in modo equo ed efficace, senza ledere i diritti dei cittadini.

È necessario che le autorità locali forniscono informazioni chiare e dettagliate sulla circolazione a targhe alterne, in modo che tutti i conducenti siano consapevoli delle regole e delle sanzioni in caso di infrazione.

Il testo del provvedimento con le disposizioni e le deroghe:

A titolo sperimentale, con decorrenza dal 8 aprile, sui tratti della SS 145 di seguito indicati, in entrambe le direzioni di marcia:

  • SS 145 dal km 18+170 al km 19+440 Comune di Vico Equense;
  • SS 145 dal km 21+960 al km 23+120 Comune di Meta;
  • SS 145 dal km 23+120 al km 24+470 Comune di Piano di Sorrento;
  • SS 145 lato sx (monte) dal km 24+470 al km 24+650 Comune di Piano di Sorrento
  • SS 145 lato dx (mare) dal km 24+470 al km 24+650 Comune di Sant’Agnello
  • SS 145 dal km 24+650 al km 25+420 Comune di Sant’Agnello;
  • SS 145 dal km 25+550 al km 29+200 Comune di Sorrento;
  • SS 145 dal km 30+312 al km 31+323 Comune di Sorrento;

1. Il divieto di circolazione nei giorni con data pari per gli autoveicoli, ai sensi dell’art.54 c.d.s, la cui ultima cifra della parte numerica è pari;

2. Il divieto di circolazione nei giorni con data dispari per gli autoveicoli, ai sensi dell’art.54 c.d.s., la cui ultima cifra della parte numerica è dispari.

Il divieto di cui sopra, per l’anno 2023, è calendarizzato come segue:

a) Dal 8 aprile (Sabato) al 31 maggio (mercoledì): tutti i venerdì, sabato e domenica, nonché i festivi e prefestivi, dalle ore 8 alle 19;

b) Dal 1° giugno (giovedì) al 30 settembre (sabato): tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 19.

Sono esclusi dal rispetto del divieto di circolazione di cui alla presente ordinanza le seguenti categorie:

I. I veicoli condotti da soggetti residenti nei Comuni della Penisola Sorrentina (Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento e Massa Lubrense);

II. I veicoli adibiti al trasporto di persone diversamente abili muniti del contrassegno H in corso di validità e con a bordo il titolare dello stesso munito di idoneo documento di riconoscimento ai sensi dell’art. 35, comma 2, del DPR 445/2000;

III. Bus turistici, taxi e veicoli presi a noleggio con conducente;

IV. I veicoli delle Forze dell’Ordine, della Protezione Civile nonché i mezzi utilizzati per il soccorso medico e di emergenza;

V. I mezzi del Trasporto Pubblico di Linea;

VI. I veicoli condotti da lavoratori pendolari con sede di lavoro in uno dei Comuni della Penisola Sorrentina – Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento e Massa Lubrense – previa esibizione, all’atto dei controlli, di idonea documentazione (contratto di lavoro e/o busta paga);

VII. I veicoli che trasportano farmaci e presidi sanitari;

VIII. I veicoli adibiti al carico e scarico merci con p.p.c. inferiore a 3,5 t.;

IX. I veicoli condotti da persone prenotate presso strutture ricettive alberghiere ed extraalberghiere, aventi sede sul territorio dei Comuni di Vico Equense, Meta, Piano di SORRENTO, Sant’Agnello, SORRENTO e Massa Lubrense – previa esibizione, all’atto dei controlli, di idoneo documento attestante l’avvenuta conferma della prenotazione;

X. I veicoli condotti da persone partecipanti ad eventi (quali, ad esempio, matrimoni, comunioni, battesimi) preventivamente organizzati presso luoghi di culto e/o in strutture ricettive e ristorative (ristorazione tradizionale e agrituristica) – aventi sede sul territorio dei Comuni di Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento e Massa Lubrense – inclusi in elenchi che, a cura della struttura ospitante, devono essere comunicati, con almeno 5 giorni di anticipo rispetto alla data dell’evento: al Comando Polizia Municipale competente per territorio (quello ove ha sede la struttura).
L’elenco con la relativa ricevuta di trasmissione a mezzo PEC dovrà essere esibita dai partecipanti agli eventi all’atto dei controlli;

XI. I veicoli intestati ad Enti Pubblici, Società ed Aziende erogatrici di pubblici servizi;

XII. I veicoli intestati a ditte e/o società con sede legale e/o operativa sul territorio dei Comuni di Vico Equense, Meta, Piano di SORRENTO, Sant’Agnello, SORRENTO e Massa Lubrense che ritornano dall’ultimo viaggio ai soli fini del rientro in sede;

XIII. I veicoli a due ruote;

Chiunque circoli in violazione delle limitazioni previste dalla presente ordinanza è soggetto alle sanzioni previste all’art. 7, del decreto legislativo 30 aprile 1992 n.285 e successive modificazioni e integrazioni.

In conclusione

La decisione dei dirigenti a capo dei corpi di Polizia municipale della Penisola Sorrentina di far partire, dall’8 Aprile, la circolazione a targhe alterne è destinata a generare un ampio dibattito tra i cittadini e gli stakeholder locali.
Tuttavia, è necessario che questa misura sia applicata in modo equo ed efficace, e che vengano adottate ulteriori azioni per affrontare i problemi di traffico e inquinamento nella zona.
È fondamentale quindi trovare un equilibrio tra la necessità di ridurre il traffico e l’importanza di sostenere l’economia locale.
Solo analizzando e valutando attentamente i risultati della misura negli anni si potranno comprendere a pieno i suoi effetti e apportare eventuali modifiche per migliorare il sistema di gestione del traffico nella Penisola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’Italia tra l’incudine e il martello: Bisognerà conquistare punti contro la Croazia per evitare l’eliminazione

l'Italia si presenta all'ultima sfida della fase a gironi degli Europei contro la Croazia con le spalle al muro
Pubblicita

Ti potrebbe interessare