Sicurezza in Italia: Delitti in calo, ma sbarchi e rapine in aumento!

Sicurezza in Italia: per il Viminale CALANO I REATI ma, guarda caso, solo quelli che, nell’immaginario collettivo, potrebbero riportare ad una insicurezza sociale dovuta ai nostrani e quindi a poca efficienza degli attuali governativi!

LEGGI ANCHE

Sicurezza in Italia: per il Viminale CALANO I REATI ma, guarda caso, solo quelli che, nell’immaginario collettivo, potrebbero riportare ad una insicurezza sociale dovuta ai nostrani e quindi a poca efficienza degli attuali governativi!

Calano i reati, aumentano rapine e furti, raddoppiano gli sbarchi. Da inizio anno 71 donne uccise

In cifre: secondo i dati forniti dal Viminale relativi ai primi 7 mesi dell’anno, i delitti sono diminuiti del 5,4%, stabili gli omicidi ma quelli attribuibili alla criminalità organizzata sono in diminuzione del 36,3%. Giù del 7,7% anche il numero dei femminicidi (dicono).
Nello stesso report, però, il Viminale segnala anche che GLI SBARCHI SONO RADDOPPIATI del 115% e che le rapine segnano un + 3,8% come anche i furti, + 2,7%; e qui i pensieri corrono, e sì che corrono, e molto!

Del tutto ignorata poi, almeno in questo report, la piaga dei minorenni che scompaiono in Italia.
I dati segnalano che, ogni giorno, in Italia scompaiono 47 minorenni, ma si vede che è cosa di poco interesse, per chi è al comando e quindi nemmeno se ne fa cenno. Certo, è un’altra storia, ma non meno importante e tremenda per cui noi la prendiamo seriamente e ne cogliamo l’allarme per cui ne faremo oggetto del prossimo articolo.

Per ora ci limitiamo a segnalarvi, più nello specifico, l’esposizione fornita dal Viminale:

Secondo i dati forniti dal Viminale relativi ai primi 7 mesi dell’anno, i delitti in Italia sono diminuiti del 5,4%.
Gli omicidi sono rimasti stabili, ma quelli attribuibili alla criminalità organizzata sono diminuiti del 36,3%.
Il numero dei femminicidi è diminuito del 7,7%.
Tuttavia, nello stesso periodo, il Viminale ha segnalato un aumento del 115% degli sbarchi di migranti e un aumento del 3,8% delle rapine e del 2,7% dei furti.

Dati sui delitti:

– Delitti diminuiti complessivamente del 5,46% (da 1.299.350 a 1.228.454).
– Omicidi stabili (195), ma quelli attribuibili alla criminalità organizzata sono diminuiti del 36,36% (da 22 a 14
Secondo i dati forniti dal Viminale, ci sono alcuni chiari indicatori di come la sicurezza in Italia stia cambiando in modo contrastato:

Principali dati:

– I reati complessivi sono diminuiti del 5,4% nei primi 7 mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
In particolare:
– Gli omicidi sono rimasti stabili (195)
– Quelli legati alla criminalità organizzata sono diminuiti del 36,3% (da 22 a 14)
– I femminicidi sono diminuiti del 7,7%
– Gli sbarchi di migranti sono però raddoppiati (+115%) <web>[9]</web>, totalizzandone 89.158
– Le rapine sono aumentate del 3,8% e i furti del 2,7% <web>[1]</web>
– Le denunce e gli arrestati sono diminuiti (rispettivamente -11,2% e -4,3%)
Interpretazione:
– La diminuzione dei reati complessivi va ponderata considerando l’aumento significativo di alcuni reati come rapine e furti
– L’aumento degli sbarchi viene collegato ad un aumento dell’insicurezza collettiva e associato ai migranti, nonostante non ci siano dati conclusivi al riguardo.

#SicurezzaItalia #DelittiInCalo #SbarchiMigranti #RapineAumento

Formula 1, presentato il calendario 2025

Si comincerà il Australia il 16 marzo, si chiude ad Abu Dhabi il 7 dicembre. Il calendario 2025 della Formula 1
Pubblicita

Ti potrebbe interessare