Aggressione in centro accoglienza ai Ponti Rossi: 32enne nigeriano arrestato

LEGGI ANCHE

Ieri mattina, un 32enne nigeriano è stato arrestato in un centro accoglienza ai Ponti Rossi, un quartiere di Napoli, per lesioni personali, resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato di beni.

Aggressione in centro d’accoglienza ai Ponti Rossi: 32enne nigeriano arrestato

  • In breve,
    • Le autorità hanno affermato che A.A., 32enne nigeriano, dopo essersi introdotto in un centro d’accoglienza ai Ponti Rossi ed aver aggredito un ospite della struttura, ha poi opposto una forte resistenza agli agenti di polizia, e ha causato ulteriori danni nell’area circostante nel corso della colluttazione.
      Dopo il suo arresto, l’indagato è stato portato in custodia cautelare presso una struttura della polizia.

Il fatto

Ieri mattina gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato San Carlo, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via Santa Maria dei Monti presso un centro di accoglienza stranieri, ai Ponti Rossi, per una segnalazione di un’aggressione ad uno degli ospiti.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da un operatore del centro il quale indicando un uomo ha raccontato che lo stesso, dopo essersi introdotto durante la notte nella struttura, aveva aggredito un ospite ferendolo con un’arma da taglio.

Gli agenti, dopo averlo controllato, lo hanno invitato a lasciare la struttura, ma l’uomo è andato in escandescenze aggredendoli e danneggiando alcune suppellettili fino a quando, dopo una colluttazione, è stato bloccato.

Non è ancora chiaro quali sarebbero stati i motivi che hanno spinto l’uomo a commettere il reato.

Il centro d’accoglienza dove si è verificato l’incidente è noto per ospitare una varietà di migranti provenienti da paesi diversi, molti dei quali si trovano in Italia in cerca di asilo politico.

In conclusione

Le autorità locali hanno assicurato di essere al lavoro per garantire la sicurezza dei residenti e degli ospiti del quartiere dei Ponti Rossi.

L’arresto del sospettato è stato giudicato come un successo dalle autorità locali, le quali hanno espresso la loro gratitudine alla polizia per la gestione dell’incidente.

Tuttavia, l’episodio ha sollevato una serie di preoccupazioni sulla sicurezza dei centri di accoglienza per i migranti, e molti sono stati chiamati a riflettere sul modo in cui le comunità di accoglienza possono essere protette in futuro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Truffa WhatsApp (generalmente mittente 4390006):  “Ciao xxxxx, ho cambiato numero. …..….”: Come Difendersi e Prevenire il Raggiro

Scopri come riconoscere e difenderti dalla nuova truffa WhatsApp mirata ai genitori o parenti, in particolare alle mamme, papà, zio/a, cugino/a ecc.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare