Roma - news Serie A

Napoli-Roma, out Strootman e Bruno Peres. Spalletti: ” Loro i più bravi d’Italia”

ROMA-NAPOLI  – “La squadra che uscirà vincitrice dalla sfida del San Paolo sarà l’anti-Juve”. Parola di Francesco Totti. Ed in effetti, l’impressione è proprio quella di un crocevia stagionale. I partenopei, reduci da una sconfitta a Bergamo contro l’Atalanta, si trova già ad inizio ottobre sotto alla Juventus di 4 lunghezze. La Roma, invece, dista dalla Vechhia Signora di 5 punti. Decisivo, quindi, lo scontro diretto del San Paolo per decretare chi uscirà dalla lotta scudetto. Pessime le notizie in casa Roma per quanto concerne l’infermeria: Kevin Strootman e Bruno Peres non sono stati convocati da Spalletti. L’olandese è stato messo fuori causa da una fastidiosa lombalgia, mentre il terzino ex granata soffre di un problema al flessore. Due defezioni importanti, insomma, per i giallorossi che avranno un centrocampo da reinventare (visto che lo stesso Nainggolan non sta ancora bene).

CONFERENZA STAMPA SPALLETTI – “Rüdiger il 22 di questo mese gioca contro il Novara in Primavera e sarà il test definitivo per tornare ad allenarsi sempre con noi e giocare. Vermaelen ha sempre questa situazione che preoccupa un po’ però da oggi comincia a correre e potremo valutare la situazione. Poi Mario Rui e Nura proseguono il decorso di riabilitazione e ci sono un paio di situazioni che accadono quando si va in Nazionale e vanno viste oggi. Ci sono un paio di magagnette”.

Chi ha visto il Napoli ce lo racconta diverso quest’anno…
“No, il Napoli è la squadra migliore del campionato. Sono i più bravi, insieme a qualche altra squadra. Come equilibrio, come riconoscere le cose, come continuità, come qualità, come completezza di fase offensiva e difensiva. L’allenatore ha fatto vedere di essere uno capace, è uno ingegnoso, l’ho visto allenare. Ha dato un contributo al calcio, ha fatto vedere cose nuove, è stato eletto dai calciatori e dagli allenatori come uno bravo. Gli si fanno i complimenti”.

Ha detto che Callejon è il migliore ad attaccare la linea difensiva…
“Ho pensato a dire a quello che sta dalla sua parte di stare più attento e anticipare la scappata. Nel dubbio, non esitare, scappa! Perché è quella la palla più pericolosa, perché se la prende sui piedi può sempre riuscire”.

Allegri dice di anticipare la fine del mercato al 15 luglio. E la finestra di gennaio andrebbe spostata a novembre. È d’accordo?
“La vado a leggere dopo…così a grandi linee non mi sembra che abbia torto, poi se ha tempo di pensare anche a queste cose è bravo ed è giusto sia in testa. Andare a fare la preparazione senza aver completato la rosa può essere una difficoltà e visto che c’è un periodo tra la fine del campionato e l’inizio del mercato, è giusto andarlo a sfruttare. Anche se faccio fatica a dirlo, sono d’accordo. La seconda cosa anche la reputo molto giusta. Lui l’ha detto perché nelle squadre dove andava a giocare a giugno quelli che non trovavano spazio tra i titolari dicevano: ‘Tanto tra due mesi me ne vado’. Secondo me è corretto, ci sta di sbagliare il giocatore o che il giocatore vuole cambiare e non ce la fa a gestire la concorrenza è corretto che vada a giocare da un’altra parte. Siccome lui si vede non lo facevano giocare, voleva andar via. Ha detto cose intelligenti”.

Lei in che posizione si colloca nel calcio degli algoritmi?
“Sabatini è una persona di valore e valori, è uno che come me se non vince non è contento. La sua è stata una bellissima conferenza, ho capito quello che vi ha detto e anche quello che non vi ha detto. Mi dispiace che abbia fatto questo, se la conclusione è questa mi sento tirato in ballo: se la squadra avesse fatto più risultati e avesse delineato da subito la sua forza, probabilmente avrebbe avuto qualche ripensamento in più a fare quello che ha fatto. Oltre a dover modificare quello che è lo sviluppo delle nostre partite, che non sono state all’altezza dei nostri presupposti. Può darsi che questo lo abbia indotto, perché è un sentimentale, è uno che condiziona la propria vita personale. Io sono quasi uguale a lui per cui sono dispiaciuto e debbo fare molto meglio quello che ho fatto fino a questo momento perché lui, con quello che ha fatto, mi obbliga a farlo”.

Quanto manca per vedere Bruno Peres al meglio?
“Secondo me sta facendo bene e non lo vedo tanto diverso da quello che ha fatto nelle stagioni passate. All’inizio ha penato un pochettino perché non si era allenato e noi ne avevamo bisogno. Non andiamo nelle scusanti, lui sta facendo bene. La loro fascia sinistra è giustamente più produttiva della destra e noi nella nostra fascia destra siamo altrettanto forti e quella che deve essere una consapevolezza di forza e accettare la sfida su dei livelli alti. E si fa così”.

Nainggolan come sta? È al 100%? Prima ci diceva che dei giocatori sono tornati con dei problemi…
“I problemini sono quelli che si possono avere in una squadra. Strotman ha dovuto giocare senza allenarsi tutte e due le partite e ha un guaio che bisogna risolvere e si può risolvere e oggi si lavorerà anche per questo. L’altra è una situazione da valutare e da vedere ma è inutile metterla avanti prima. Per quanto riguarda Radja, ha passato un periodo dove è stato al di sotto delle sue possibilità. Ora si sta allenando bene e per ritornare ad essere quel calciatore forte ha bisogno di continuare su questa squadra qui. Ci deve restituire quello a cui ci ha abituato e in quelle in cui è mancato”.

Non crede che il trattamento riservato ai tifosi della Roma sia troppo penalizzante?
“Sai, quando si attua una regola e si prende una posizione così netta come hanno preso contro di noi, bisogna andare in profondità a vedere le situazioni. Non ho i mezzi per poter valutare: penso in generale che il recinto, la barriera, invogli a saltare per vedere cosa c’è fuori. Poi però se questo mette in dubbio l’incolumità…nessuno ha diritto a creare danni ad un’altra persona. Sulla partita col Napoli, tutti dobbiamo dare un contributo per creare un ambiente sportivo/sociale dove le persone possano vivere le passioni sportive in base a quelli che sono i colori che amano nella correttezza, di lasciar esprimere le voglie altrui. Ed è proprio questo che ti permette di essere all’altezza del confronto, di far vedere che sei all’altezza. Lasciare che gli altri si esprimano ed esprimerti. Devo essere più bravo se voglio stare in alto in classifica, non sperare che gli altri vengano penalizzati”.

Ha detto che il Napoli è la miglior squadra. Sulla carta il Napoli è più su? E’ uno scontro diretto?
“Il Napoli è una squadra forte, ce ne sono altre che hanno espresso un buon gioco: una è il Sassuolo, un’altra è il Chievo. Sono belle squadre, allenate bene, che non concedono mai, esprimono il proprio massimo dentro le partite. Il Napoli lo ha fatto vedere, noi in alcune partite non siamo stati all’altezza, per cui dobbiamo far vedere il nostro massimo e se riusciremo in questo noi non siamo sotto al Napoli, siamo sulla stessa piattaforma, dove ci vogliamo confrontare come fatto lo scorso anno. Noi abbiamo vinto un anno fa e loro hanno perso ma non meritavano, è stata giocata una partita su livelli alti e spero sia un’altra partita così. Impegno difficile? Ce ne sono tanti così, l’Inter è una squadra magnifica. Vivere senza scopo è un traguardo che ho già raggiunto, ho la mira di fare qualcosa di meglio. Queste partite qui sono quelle per avere uno scopo in quello faccio, vado lì per giocare la partita e tentare di vincerla”.

Lei ha sempre detto che la Roma se la può giocare con la Juventus. Che valore dà a questa gara?
“Un valore importante, però non è solo questa. O perlomeno mettiamola così: è un’occasione per predire il futuro, l’unica cosa da fare è evidenziare qualità subito e fare risultati. Questa è un’occasione per predire il nostro futuro, poi ce ne saranno altre. Però il livello di possibilità, in base a come esci da queste partite, diminuisce o aumenta. Sarà una bella partita e noi dovremo farci trovare pronti”.

Diretta testuale di Claudia Demenica

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale