Cronaca Sportiva

VIDEO ViViCentro – ​Capello: “Gli arbitri obbligati a mentire”, poi Donnarumma

I dettagli dell’evento e le immagini

CLICCA QUI per vedere le immagini

È iniziata oggi, nella splendida cornice del “Grand Hotel Il Saraceno” di Amalfi, l’edizione 2016 del “Premio Football Leader”, che si svolgerà dal 24 al 26 maggio. Nel convegno Aiac sono intervenuti Fabio Capello, vincitore del “Premio alla Carriera”, Narciso Pisacreta, vice presidente dell’Aia, il direttore di Tuttosport Paolo De Paola, Cristiano Giaretta, ds dell’Udinese, l’arbitro Daniele Orsato ed il presidente dell’Assoallenatori , Renzo Ulivieri. Presenti in sala anche Fabio Capello e Gianpiero Gasperini, tecnico del Genoa.
Orsato“Non è una vittoria per l’arbitro allontare un allenatore dalla panchina. Molto spesso mi sono trovato con allenatori che non hanno la pazienza. E’ quello che spesso ripeto loro a fine partita. Bisogna averne tanta soprattutto con gli arbitri più giovani.  Così come fanno con i calciatori più giovani.  A livello dilettantistico, nei campetti di periferia emulano i comportamento dei grandi professionisti”
Pisacreta“In Italia quando si parla di arbitri lo si fa sempre in accezione negativa. Si parla sempre dei loro presunti errori mettendoli difronte a telecamere ed episodi. C’è una cultura sbagliata nel nostro paese riguardo i direttori di gara. Non c’è una visione unitaria.  C’è da dire però che quando le squadre italiane non sono in finale nelle competizioni internazionali, a rappresentare il nostro paese sono sempre i nostri arbitri. Lo stesso vale anche per gli allenatori, che rappresentano con orgoglio l’Italia all’estero, venendo sempre più spesso apprezzati”
Importante nella disputa tra allenatori e arbitri, è il ruolo delle società. “Su questo le dirigenze devono cercare di smorzare gli animi cercando di sensibilizzare i giocatori“- dichiara Cristiano Giaretta, direttore sportivo dell’Udinese. “A Udine settimanalmente organizziamo riunioni con giocatori e allenatori. Vengono spesso ex arbitri a parlarci di come i direttori di gara preparano le partite. Molto spesso gli allenatori si preparano proprio come i giocatori.  L’arbitro può sbagliare tanto quanto sbagliamo noi. Bisogna smorzare gli animi. Quando i tre punti sono importanti perdiamo spesso lucidità. Dobbiamo però limitarci un pò tutti“.
Capello“Racconto un aneddoto, Roma-Atalanta di qualche anno fa: parte una parola dalla panchina, l’arbitro Trentalange viene verso di me e mi caccia. Io dico ‘guardi che non sono stato io, non ho detto nulla’, poi sono stato allontanato. Ho fatto opposizione tramite la giustizia sportiva, l’arbitro è stato interpellato successivamente e ha confermato che ero stato io. Mi sono beccato un turno di squalifica e otto mila euro di multa. Perché è accaduto così? Perché voi li obbligate a dire delle bugie. Vi chiedete perché in Italia ci sono tante simulazioni? Perché le premiate, un calciatore va a terra e viene premiato con un fallo a favore. Io vado in giro per il mondo, il calcio deve essere anche agonismo e in Italia stiamo perdendo questo aspetto. Moviola in campo? Un tecnico lavora un anno intero, poi viene punito da un errore arbitrale. Al Mondiale con l’Inghilterra sono andato a casa per un errore simile. Il calcio va sempre più veloce, però poi la tecnologia non viene applicata”
Gasperini“Il rapporto allenatore-arbitro è migliorato notevolmente negli ultimi anni. C’è maggiore comprensione e meno episodi eclatanti. Bisogna confrontarsi sui contrasti che sono la bellezza del calcio. Ormai sono puniti quelli in scivolata, ma ci sono anche altri che fanno scattare il giallo. Questo crea sbandamento, disorientamento. Perché non c’è la stessa valutazione. Dovremmo confrontarci sulla questione contrasti”
Federico Balzaretti ha parlato a chi gli chiedeva dell’operato dei direttori di gara in campo. “Ci sono tante situazioni che devono riguardare solo quello che accade nei 90′ e dopo dare spazio ad altro. Bisogna sensibilizzare ragazzi, famiglie e genitori perché i ragazzi di oggi saranno gli uomini del domani, il settore giovanile deve servire come educazione. Quando un calciatore o un genitore sbaglia nei riguardi di un arbitro, bisogna avere la forza di punirlo duramente. Noi in Italia siamo bravi a trovare degli alibi, ma dobbiamo fare un passo avanti. La moviola in campo può aiutare nelle decisioni oggettive che all’arbitro sono sfuggite in quel momento. Bisogna togliere alibi in merito alle decisioni arbitrali, io da calciatore ho avuto un buon rapporto con gli arbitri”
Ulivieri“A me preoccupa lo spettacolo e le interruzioni e tutto quello che va in questa direzione a me fa paura. Sulle valutazioni: non ci potrà essere mai uniformità, ma neanche fra noi quando esprimiamo giudizi sugli arbitri. 
Noi tutti dovremmo avere una visione d’assieme, ma soprattutto dedita al miglioramento dello spettacolo. Quest’anno abbiamo assistito a tante belle partite, stiamo assistendo ad un calcio che sta cambiando”. 
dai nostri inviati ad Amalfi, Ciro Novellino e Mario Vollono

In merito all'autore

Ciro Novellino

Nato a Castellammare di Stabia, il 24 aprile 1984, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania e all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Diplomatosi al Liceo Classico di Castellammare di Stabia ha conseguito la Laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali prima e quella Magistrale in Archeologia e Storia dell'Arte poi, presso l'Università degli studi di Napoli 'Federico II'. Esercita la professione di giornalista da diversi anni con collaborazioni legate a Tuttojuvestabia, Calcio Napoletano e IlNapolionline. Prima ancora è stato redattore di CalcioNapoli24, alfredopedulla.com ed è attualmente caporedattore di Vivicentro.it e responsabile della pagina sportiva della SSC Napoli sullo stesso giornale. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico, L'Orda Azzurra, su Vivi Radio Web

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale