Napoli, sequestrati quasi 800mila litri di alcool nocivi

L’operazione avrebbe fruttato dieci milioni di euro

Il Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare Salerno tramite una nota ufficiale hanno diffuso quanto accaduto nella giornata di oggi per quanto riguarda il sequestro di una ingente quantità di sostanza alcolica nociva alla salute.

Ecco il comunicato:

“Il Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare  di Salerno e il personale dell’Agenzia delle Dogane di Napoli 2, Salerno e Caserta, operavano sequestro  di circa 786.000 litri di alcool pronto per essere posto in vendita, non idoneo al consumo umano,  denunciando una persona all’AG per frode in commercio di sostanze nocive (444 e 515 c.p.). L’immissione di tale prodotto nocivo sul mercato avrebbe permesso  introiti pari a circa 12 milioni di euro.
Nel contesto delle suddette operazioni veniva sequestrato l’intero stabilimento, poiché privo della prevista Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), per un valore corrente dell’intero provvedimento pari a circa 10 milioni di euro.
A seguito di successivo decreto, disposto della Procura della Repubblica di Napoli Nord, il succitato personale eseguiva sequestro preventivo di ulteriori 13.000 litri di prodotti ed infusi a base di alcool, contenenti sostanze  nocive e non ritenuti idonee al consumo umano, per un valore commerciale pari a 250.000 euro.

L’assidua attività cautelativa dell’Arma, in sinergia con l’Agenzia delle Dogane, ha permesso di sventare l’immissione sul mercato di sostanze che avrebbero minato la sicurezza alimentare degli italiani e offuscato l’immagine degli operatori onesti del comparto”.