Quantcast

SSC Napoli - rassegna stampa

Niente metro dopo Napoli-Milan, l’assessore Calabrese: “Responsabilità della Regione”

“La convenzione con ADL non c’entra”

La metropolitana di Napoli si è fermata, dopo il match di campionato di sabato scorso non ci sono state corse creando disagi ai 35 mila che hanno affollato le tribune dello stadio San Paolo, costretti a tornare a casa con ore di ritardo. L’assessore dei Trasporti del comune di Napoli Mario Calabrese ne parla in un’intervista ai microfoni de Il Mattino.

Ecco le sue parole:
Assessore perché sabato scorso i tifosi sono tornati a piedi a casa in piena notte?
“Perché non era stato previsto un servizio speciale della linea 2 della Metropolitana, che viene gestita da Fs, e della Cumana che viene gestita dall’Eav”.

Ecco, come mai non avete pensato di attivare questo servizio?
“Guardi che la domanda mica deva farla a me? Non è il Comune che si occupa di quel fronte: si tratta di servizi garantiti dei trasporti che vengono erogati da altre aziende con le quali deve accordarsi la Regione”.

L’amministratore di Eav, De Gregorio, sostiene di non aver avuto nessuna richiesta ufficiale.
“Ribadisco non deve essere il Comune a presentarla”.

Scusi, ma in passato la richiesta per i servizi speciali di trasporto nel dopogara in notturna chi la presentava?
“È capitato anche a noi di allertare la Regione affinché chiedesse a Fs e Eav di prolungare le corse”.

È capitato, ma quale sarebbe la prassi?
“Cosa vuole che le risponda? Secondo lei in città nessuno si accorge che ci sarà una partita di calcio in notturna? Perché dovrebbe essere il Comune o l’assessorato comunale ai trasporti a far avviare la macchina organizzativa?”.

Per contribuire ad offrire un servizio alla cittadinanza…
“Però bisogna fare chiarezza. Il presidente della commissione trasporti della Regione ha sempre affermato che la Regione
avrebbe garantito i servizi della Linea 2 e della Cumana in occasione delle partite di calcio. Il contratto di servizio di entrambe le
linee su ferro fa capo alla Regione, entrambe effettuano il loro servizio in città. Mi sembra chiaro che la procedura per attivarli in
occasione di Napoli-Milan avrebbe dovuto avviarla chi ha rapporti istituzionali”.

Insomma, vuol dire che la colpa è della Regione?
“Io non desidero attribuire colpe a nessuno. Si dice che avremmo dovuto avvisare? Vuol dire che d’ora in poi lo faremo con
costanza. Se c’è bisogno di avvisare qualcuno che si sta per giocare un importante match del campionato di calcio di serie A, lo
faremo. Ci penserò io personalmente. Anche se continua a sembrarmi strano che nessuno si accorga di un evento del genere e
lasci a piedi nella notte migliaia di persone”.

Assessore, tutti pensano che il caos sia stato creato scientificamente per via della convenzione contestata.
“Non riesco a trovare un nesso fra le due cose”.

Il suo collega Borriello dice che nella convenzione non firmata, il costo dei trasporti era a carico del Calcio Napoli.
“È così, ma continuo a non trovare un nesso tra i disagi di sabato notte e la mancata firma della convenzione”.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania