Quantcast

SSC Napoli - rassegna stampa

Camoranesi: “Ancelotti è un allenatore speciale, il suo Napoli ha carattere. Anti-Juve? Non c’è ancora”

“Mi rivedo in Callejon”

Mauro German Camoranesi, campione del mondo nel 2006 con la nazionale italiana e ora commentatore tecnico per Dazn, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni de Il Mattino per parlare di questo Napoli allenato da Carlo Ancelotti e del ruolo che avrà in questo campionato.

Ecco le sue parole:
Che Napoli ha visto fino ad oggi?
“Una squadra in linea con quanto fatto negli ultimi anni per quanto riguarda l’atteggiamento in campo, cioè una squadra disposta ad imporre il proprio gioco indipendentemente da chi si trova di fronte. In più, buon palleggio, buona dinamica di gioco e aggressiva nel riconquistare palla. Nelle prime quattro giornate, a causa di alcune difficoltà difensive, si è ritrovata a rimontare contro Lazio e Milan, dimostrando anche grande carattere”.

Che tipo di evoluzione ha notato dall’inizio della stagione a oggi?
“Direi l’inserimento di giocatori freschi per ruotare i soliti ‘titolari’, per affrontare i doppi impegni tra campionato e Champions, ma anche il cambio di schema in alcune partite: una cosa che non avveniva regolarmente nella gestione precedente”.

È il Napoli l’unica anti-Juve?
“Nel campionato italiano in questo momento sembra non ci sia ancora l’anti-Juve. L’unica l’anti-Juventus semmai è la Juventus stessa. Ma il campionato è lungo siamo solo all’inizio”.

Sorpreso dal ritorno in serie A di Ancelotti?
“È una cosa che ha fatto benissimo al campionato italiano per tutto quello che rappresenta il mister e tutti i suoi successi raccolti in Italia e all’estero. In più, il fatto di essere approdato in una squadra ché stata protagonista negli ultimi anni contribuisce a far crescere nel pubblico l’appeal della serie A”.

Che tipo di allenatore è?
“Non ho avuto la fortuna di esser allenato da lui ma quando sono arrivato alla Juventus i giocatori allenati da lui l’anno prima parlavano molto bene della sua gestione: questo fa capire che è una persona speciale”.

Si può dire che Callejon sia un po’ un giocatore alla Camoranesi?
“Per la posizione in campo direi di sì. Callejon però è un giocatore moderno che in quel ruolo sente di più la fase offensiva e il gol rispetto alla fase di costruzione del gioco a centrocampo”.

Dopo la vittoria col Liverpool che cammino si aspetta in Champions per il Napoli?
“Quel successo è stato importantissimo,ma c’è tanta strada ancora da percorrere. E il Napoli deve gestire le forze per le due competizioni, se vuole ambire al successo. Non sarà certo semplice”.

Che sensazione le ha fatto l’arrivo di Ronaldo nel nostro campionato?
“È il giocatore più significativo degli ultimi 15 anni, dopo la partenza di Zidane e Ronaldo ‘il fenomeno’. È colui che ha riacceso l’interesse nel nostro campionato a livello mondiale, dopo anni di bassa qualità. Il suo arrivo ha dato una spinta a tutto il sistema”.

Sabato c’è Udinese-Napoli: quali sono i pericolimaggiori per la squadra di Ancelotti?
“Sulla carta il Napoli è superiore all’Udinese, soprattutto se quest’ultima prova a giocare la partita a viso aperto. Guardando le prime partite del campionato, il Napoli è stato messo in difficoltà dalle squadre dinamiche e aggressive (Lazio, Milan, Sampdoria); ciò nonostante ritengo la squadra di Ancelotti la grande favorita”.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania