Quantcast

Banner Gori
Juve Stabia Franco Manniello Ultima Intervista
juvestabia - news

Manniello: “Situazione difficile, restate a casa. D’Elia non é la Juve Stabia!”

Nel corso della puntata di “Juve Stabia Live Talk Show” andata in onda ieri sera, é intervenuto il patron delle vespe Franco Manniello. Ecco le sue dichiarazioni raccolte dalla nostra redazione:

“Durante questo difficile periodo per il nostro paese, é chiaro che anche la Juve Stabia si sia fermata. Siamo tutti a casa in attesa di nuove disposizioni. La salute é al primo posto e nessuno deve rischiare. L’appello che lancio é quello di restare a casa per battere quanto prima il virus. É un momento bruttissimo che cambierà per sempre la nostra economia e la nostra vita. Lo stato deve aiutare le persone comuni che stanno soffrendo tanto fisicamente ed economicamente, non i milionari del pallone. Anche la Juve Stabia avrà delle perdite così come tutti. Ma in questo momento non ha senso parlare di calcio. Bisogna risolvere il problema sanitario e quello economico perché ci sono tante persone che rischiano la fame.”

Disappunti societari risolti? “Per ora é inopportuno parlare di queste cose. L’unica cosa che dico chiaramente é che non riconosco l’amministratore D’Elia. Punto. Per ora é più opportuno pensare alle cose serie come la salute.

Per quanto concerne il calcio posso dire che, a mio avviso, il campionato va bloccato. Ci sono più di 8000 morti e sarebbe da folli mandare a giocare i giocatori in giro per l’Italia, il virus non andrà via facilmente. Bisogna limitare i danni per poter partire in sicurezza a settembre con il nuovo campionato. La Juve Stabia accetterà le decisioni di chi di dovere ma personalmente credo sia difficile prendersi una responsabilità così pesante.

Ripeto che questo evento epocale cambierà tante cose nelle nostre vite. Credo che molte squadre faticheranno ad iscriversi e che molte cose vadano cambiate: su tutto i contratti pesanti e gli obblighi di riscatto. Sono accordi presi in situazioni diverse, ore molto presidenti non avranno la forza di togliere soldi alle loro aziende per metterle nel calcio. Anche la Juve Stabia ha due obblighi di riscatto in caso di salvezza e mi auguro che vengano trasformati in diritto di riscatto per tutelare le nostre casse.”

Print Friendly, PDF & Email
loading...

In merito all'autore

Salvatore Sorrentino

Salvatore Sorrentino

Diplomato al liceo scientifico Francesco Severi di Castellammare. Studente di Giurisprudenza presso la Facoltà Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista da marzo 2017. Amante del calcio nazionale e internazionale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat