Quantcast

Banner Gori
Sud - politica

Sicurezza Manifestazioni Sportive: dal Questore di Napoli emessi 22 daspo

Dal Questore di Napoli emessi, nel mese di Marzo, 22 provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive per periodi da due a tre anni.

Sicurezza Manifestazioni Sportive: dal Questore di Napoli emessi 22 daspo

NAPOLI- Dal Questore di Napoli emessi, nel mese di Marzo, 22 provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive per periodi da due a tre anni.

Per sette persone è stato deciso il daspo per periodi da due a tre anni, perché denunciate o condannate per rapina, estorsione o reati in materia di armi o stupefacenti.

Altri 15 Daspo sono stati emessi in relazione a condotte illecite tenute in occasione degli incontri di calcio :

Sorrento – Bitonto, del 24 Novembre scorso (uno);

Academy San Giorgio – Fox Soccer, del 19 Gennaio (tre);

Real Forio – Sibilla Flegrea del 25 Gennaio (quattro);

A.S.D. Casola Calcio – Cava Friends dell’ 8 Febbraio (quattro);

la Siesta – Borbonia Felix del 16 Febbraio (tre).

I numeri sono sconfortanti.
Paradossale inoltre, che in contesti come le Manifestazioni Sportive, dove dovrebbe essere diffusa la mentalità del fair play, proprio da parte della “Tifoseria”, si mostri un totale disprezzo e indifferenza delle regole.

Senza dimenticare che molto spesso, in queste manifestazioni sono presenti giovani, adolescenti, da cui poi è inevitabile aspettarsi comportamenti diversi da quelli che hanno visto dagli “adulti”.

Come al solito, anche questo “problema” rientra in quello che rientrerebbe in un programma politico: la necessità di coltivare e diffondere una mentalità dove la Legge non venga vista come qualcosa di “altro” da noi, ma di cui noi stessi dobbiamo esserne i primi “difensori”, rispettandola innanzitutto.

Viviamo in un Paese, dove fortunatamente, è prevista e difesa la libertà di espressione, e per chi vuole proporre nuove leggi, la nostra Costituzione indica anche le procedure per poter dare avvio a questo iter, senza causare danni o pericoli ad altri.

Se la mentalità di colui che si sente “al di sopra” della Legge, o che vede la Legge come un qualcosa di “imposto” a suo danno, prevale, è necessario che la classe politica e la società civile operino al massimo per demolirla!

Per farlo, non basta il ricorso alla Forza Legittima, serve l’ Istruzione, la Cultura.

Le istituzioni scolastiche, non possono essere concepite come luoghi dove si va “ad imparare cose… che poi da grande si dimenticano”…

Sono luoghi dove si acquisisce giorno per giorno, la consapevolezza di vivere in un contesto sociale dove la vita di ciascun singolo cittadino, merita considerazione, e dove ciascun cittadino è chiamato a fare del proprio meglio nella sua vita, non solo per realizzare le sue personali ambizioni, ma anche per contribuire allo sviluppo e al benessere del proprio Paese.

E’ ovvio che di questi tempi, considerazioni simili risultano Utopiche o addirittura astratte; ma è proprio in momenti così difficili che è importante non perdere di vista i valori in cui si crede, che costituiscono le fondamenta per il benessere una comunità.

Ci sarà il tempo per ricostruire, allora sarà importante avere bene in mente cosa va preservato dal passato e cosa si desidera realizzare per il futuro.

 

 Stéphanie Esposito

Print Friendly, PDF & Email
loading...

In merito all'autore

Stéphanie Esposito

Stéphanie Esposito

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat