Sud - cronaca Sud - opinioni

Gli studenti del ”Plinio” di Castellammare spiegano le ragioni della loro occupazione

Liceo Classico Plinio Seniore di Castellammare di Stabia

Noi studenti del “Liceo Classico Plinio Seniore” di Castellammare di Stabia, in data 10 dicembre 2016, rilasciamo il seguente comunicato stampa al fine di portare alla luce le ragioni della nostra occupazione e per smentire le notizie erroneamente riportate dalle varie testate giornalistiche hanno affermato in queste ore.

LEGGI ANCHE: Stabia, Liceo Plinio: docenti respingono il tentativo di occupazione, vicepreside in Ospedale

Il nostro gesto, per quanto drastico, è figlio di una situazione divenuta insostenibile. In questi mesi, nonostante i ripetuti solleciti, abbiamo visto ignorate le nostre problematiche a partire dalla mancanza di aule e di una struttura conforme all’esigenze degli studenti e che garantisca la giusta sicurezza.

La nostra protesta è figlia di un clima “dittatoriale” istauratosi dalla Dirigenza Scolastica nei confronti degli studenti, nonostante le richieste di dialogo portate avanti dai Rappresentati d’Istituto. Ci sentiamo ignorati e presi in giro, le promesse mai mantenute ci hanno portato all’orlo della sopportazione e, dunque, annunciamo che la nostra occupazione non verrà sciolta fino a quando le autorità competenti non ci garantiranno, con garanzie scritte, la risoluzione delle nostre problematiche.

Inoltre, Noi, ci teniamo a sottolineare ed a riportare, con onestà intellettuale, gli avvenimenti di ieri mattina e che tanto hanno fatto discutere a causa delle notizie mal riportate.

1. Al nostro arrivo, i docenti, erano schierati dinanzi al portone d’ingresso con l’intenzione di non permetterci di accedere all’Istituto. Per noi, questo, è inaccettabile in quanto un docente NON può e NON deve impedire ad uno studente l’entrata alla struttura scolastica.

2. Le varie redazioni hanno riportato, erroneamente, di un aggressione da parte nostra verso il corpo insegnanti quando, come si può evincere da alcune immagini apparse sui social, a vedersi aggrediti da chi dovrebbe lottare al nostro fianco, per i nostri diritti, siamo stati noi.

Pertanto, Noi studenti, ci opponiamo ai quanti ci hanno accusato di violenza e ci dissociamo da un modo di fare che, sicuramente, non ci è appartenuto, non ci appartiene e non ci apparterrà mai.

3. Le stesse redazioni giornalistiche, inoltre, hanno riportato un’intervista in cui la dirigente Santaniello afferma di aver chiesto più volte il dialogo ma, ci teniamo a ribadirlo con forza, ogni incontro avvenuto con la suddetta è avvenuto in un clima antidemocratico e con il solo intento, da parte sua, di comunicare decisioni già prese ed a cui Noi studenti non potevamo opporci. Un clima che si è confermato anche in questi giorni con le dimissioni FORZATE ottenute dalla Preside da uno dei Rappresentante d’Istituto che, ricordiamo, è stato eletto dagli studenti e, in quanto nominato attraverso elezioni, legittimato ad affermare la loro voce, troppo spesso ignorata.

Castellammare, 10 dicembre 2016

Firmato gli Studenti

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale