Quantcast

Banner Gori
Sud - cronaca

Scafati, mazzette in cambio di sentenze favorevoli: sequestrati beni per oltre 1,5milioni al Giudice di Pace corrotto

Scafati, mazzette in cambio di sentenze favorevoli: sequestrati beni per oltre 1,5milioni al Giudice di Pace corrotto

Nella mattinata di oggi, i militari della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza, che porterà alla successiva confisca dei beni, nei confronti del giudice di pace A. Iannello, arrestato lo scorso 27 settembre, insieme ad altre 22 persone, con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. In particolare gli sono state sequestrate disponibilità finanziarie, due immobili situati nella città di Scafati e beni mobili per un ammontare complessivo di oltre 1,5 milioni di euro.

Il provvedimento è stato emesso dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore Annachiara Fasano e si inserisce in un’indagine più ampia svolta dalla Guardia di Finanza, coordinata dalle Procura di Torre Annunziata, Roma e Nocera Inferiore, che ha consentito di fare luce su  episodi di “corruzione in atti giudiziari” messe in atto da diversi giudici di pace, numerosi avvocati e svariati consulenti tecnici “rispetto a pratiche e contenziosi riguardanti sinistri stradali, in alcune circostanze caratterizzati da profili di falsità“.
Il magistrato corrotto avrebbe confermato gran parte delle accuse, respingendo però l’ipotesi di aver stravolto le sentenze per avere denaro. Ma l’impianto accusatorio non è stato cambiato. Ad incastrarlo infatti – riferisce SalernoToday – ci sarebbero anche delle riprese video, registrate all’interno del suo studio, dove periti e consulenti versavano una quota in denaro per le nomine da parte del giudice.
Video che incastrerebbero anche gli avvocati, invitati a consegnare una parte dei risarcimenti per un giro di falsi incidenti. Tra gli indagati ci sono anche alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine. Ad oggi sarebbero circa trenta gli episodi corruttivi ricostruiti in un mese e mezzo di indagini.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Video

Aiutaci a darti sempre di più