Quantcast

Sud - cronaca

Scafati, attentato alla pescheria: quattro persone arrestate

Scatta il ricorso, ma c’è l’ipotesi di un nuovo clan

Sono stati quattro gli arrestati dopo aver piazzato una bomba nei pressi del ristorante-pescheria “Acqua e Sale” di Scafati. L’arresto è arrivato dopo la richiesta della Procura Antimafia.

I malviventi rispondono di estorsione, spaccio e porto abusivo di armi: sono Pasquale Panariello,  26 anni nativo di Gragnano ma residente a Scafati, il fratello minore M.P.,  A.P. 43enne di Castellammare di Stabia e residente a Boscoreale, già in carcere a Frosinone per altri reati, ed E.I., 42enne originaria di Torre del Greco e residente a Scafati. Per il minore, procede la Procura presso il Tribunale dei minori di Salerno. I due fratelli risulterebbero essere gli autori dei danni provocati al negozio “Acqua e Sale”: prima la benzina poi l’esplosione, con il danneggiamento dell’ingresso del locale e di un’auto in sosta distante pochi metri.

Secondo il sostituto procuratore Giancarlo Russo, l’attentato rientra in quel processo di agevolazione quella “consorteria criminale operante a Scafati – in via di completa identificazione”. In questo caso Panariello, trovato in possesso di una mitraglietta e di una pistola, secondo quanto scrive il Gip “nelle condotte estorsiveha fatto riferimento alle sue colleganze criminali dicendo ai titolari di ‘Acqua e Sale’ a noi ci manda l’ultimo uscito a Scafati”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania