Quantcast

Nord - cronaca

Pordenone, ragazzina si lancia da balcone e scrive ai compagni: “Adesso sarete contenti”.

Prima di lasciarsi cadere dal secondo piano della sua abitazione a Pordenone, ha scritto anche ai genitori, per scusarsi del gesto e ai soccorritori dice: «Avevo paura di urlare al mondo i miei timori». Poi, in una lettera ai compagni di classe, scrive: «Aete visto cosa mi avete costretto a vafre? Ora sarete contenti!» 

PORDENONE, 18 GEN – “Non c’era alcun segnale che lasciasse presagire quanto accaduto, siamo sconvolti”. Sono le parole della dirigente della scuola media di Pordenone frequentata dalla ragazzina che stamani si è lanciata nel vuoto.
    “Mai, né durante i Consigli di classe, né in situazioni più informali – ha aggiunto – era emerso disagio di alcun tipo, e men che meno episodi di presunto bullismo. La ragazzina ha sempre frequentato con profitto anche se con una certa discontinuità” (ndr: discontinuità ora spiegata dalle parole della ragazza: “Non ce la facevo a rientrare a scuola”).

La preside ha voluto incontrare personalmente gli studenti e compagni della ragazzina, prima dell’uscita di scuola, informandoli di quanto accaduto.

    “Questa scuola si è sempre distinta per l’opera e i progetti di prevenzione di fenomeni di bullismo e dispersione scolastica”: lo ha affermato la presidente del Consiglio di istituto. “Nessuno sa ancora quali siano le reali motivazioni che hanno spinto a questo gesto terribile – ha aggiunto – e pertanto questo deve essere solo il tempo della riflessione e del silenzio”

La ragazzina ora è ricoverata all’ospedale di Udine, le sue condizioni non sono gravi.

Intanto l’episodio ha riaperto il dibattito su un problema tanto importante quanto spesso sottovalutato.

Tanti i commenti dal mondo della politica, tra cui quello del presidente del Senato, Pietro Grasso: «è soprattutto a scuola che dobbiamo creare una rete di protezione verso i ragazzi e le ragazze più fragili», scrive su Facebook, dicendosi convinto che «un contributo per combattere il fenomeno del bullismo, piccolo ma comunque rilevante, lo può dare anche il Parlamento».

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania